Incidente Roma. Rom arrestato, la sorella: “Tranquillo, farai pochissima galera”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 giugno 2015 15:55 | Ultimo aggiornamento: 3 giugno 2015 15:55
Incidente Roma. Rom arrestato, la sorella: "Tranquillo, farai pochissima galera"

Incidente Roma. Rom arrestato, la sorella: “Tranquillo, farai pochissima galera”

ROMA – La sorella dice al rom arrestato: “Tranquilli, tanto vi fate poca galera”. Parole che inquietano perché a pronunciarle è la sorella di Antony, il rom di 17 anni accusato di essere alla guida dell’auto che a Roma ha travolto nove persone uccidendo la colf filippina Corazon Perez Abordo. Secondo il Giornale, però, le parole della donna anticipano qualcosa che potrebbe succedere davvero. Scrive Sergio Rame:

 

Assassini rom che, dopo una manciata di mesi di carcere, sono di nuovo in libertà. Non sarebbe la prima volta che capita. Anche perché, in questo caso, uno dei due assassini è pure minorenne.

“Quando ho visto la polizia sono scappato perché non ho la patente, ho accelerato e non sono riuscito più a fermarmi – commenta Antony – ho perso la testa, ho visto la gente che volava davanti alla macchina, non ho capito più nulla, ho avuto paura e sono fuggito dall’inferno che avevo provocato. È stata una reazione istintiva”. Sono poche le dichiarazioni del rom, riportate dal Messaggero, prima della decisione di fare scena muta davanti al pm. I due fratelli, arrestati per l’omicidio colposo di Corazon Peres Abordo, hanno infatti deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere. Alla guida dell’auto c’era proprio Antony, che ha due anni in meno del fratello Samuel. Dopo aver ammazzato la filippina, i due sono fuggiti e si sono nascosti per alcuni giorni nel campo nomadi in cui vivevano con i genitori.

“Siamo rimasti nascosti perché dopo quello che era successo la gente ci avrebbe ammazzato – ha raccontato Antony -i siamo nascosti perché avevamo paura”. A convincerli a consegnarsi alla polizia sarebbe stata la madre. Ma, all’interno della stessa famiglia di Antony, non tutti la pensano allo stesso modo. La sorella, per esempio, si augura che i due facciano “poca galera” per poi tornare in libertà: “Non devono mettersi a piangere, non devono disperarsi perché avranno una pena bassa. Dal carcere si esce…” (guarda il video).

Continuano intanto le indagini per verificare la presenza di un quarto uomo nell’auto. Le verifiche si concentrano proprio sull’individuazione di una quarta persona, che sarebbe fuggita a piedi e che continuerebbe a essere protetta. Gli investigatori stanno ascoltando testimoni e raccogliendo nuovi elementi per trovare riscontri a quanto già in possesso e fare definitivamente chiarezza sulla vicenda. Si traccia anche il profilo dei due fermati, dei familiari e delle persone a loro più vicine: i fratelli passavano le giornate soprattutto a raccogliere ferro e altri oggetti buttati nei cassonetti per rivenderli nei mercatini. Il maggiorenne avrebbe precedenti per rapina, ricettazione e furto. Il minorenne per furto, resistenza apubblico ufficiale, possesso di arnesi atti a offendere (per lo più i cacciavite usati per i colpi negli appartamenti). Entrambi hanno numerosi alias. Chi indaga, inoltre, sta cercando di far luce anche sul perché il17enne alla guida della Lybra abbia accelerato a tutta velocità dopo l’alt intimato dalla volante della polizia.