Inghilterra, in pensione a 70 anni nel 2060

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Dicembre 2013 9:58 | Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre 2013 9:58
Inghilterra, in pensione a 70 anni nel 2060

Inghilterra, in pensione a 70 anni nel 2060

LONDRA – La scure dell’austerità si abbatte anche su Londra e l’Inghilterra tutta: l’età pensionabile  si alza gradualmente fino ai 70 anni (entro il 2060). Significa che chi oggi comincia da maggiorenne la sua carriera professionale dovrà sgobbare per 52 anni prima di ritirarsi dalla professione. La riforma, secondo il governo, farà risparmiare 500 miliardi di sterline.

L’articolo di Deborah Ameri:

Fino a oggi i paperoni stranieri, tra cui molti italiani, acquistavano proprietà di lusso (per la maggior parte a Londra) e quando le rivendevano non versavano tasse al governo britannico. Dall’aprile 2015 cambierà tutto. La capital gain tax colpirà anche le vendite di immobili di chi non risiede in Gran Bretagna. La misura è stata decisa soprattutto per scongiurare un’altra bolla immobiliare che fa gonfiare i prezzi e che è alimentata in gran parte dalle compravendite degli stranieri.
Nei piani del cancelliere dello scacchiere ci sono anche le privatizzazioni. Come preannunciato, dopo aver venduto le Poste, Londra metterà sul mercato anche il 40% delle azioni che possiede di Eurostar, il treno che passa sotto il tunnel della Manica. L’obiettivo del governo è di raccogliere 20 miliardi di sterline in 6 anni grazie alla vendita di proprietà statali. Una somma che è raddoppiata rispetto al piano previsto mesi fa. Tra gli annunci di Osborne anche un ulteriore taglio alla spesa pubblica, che riguarda gran parte dei ministeri (tranne sanità e scuola). Si dovrà risparmiare ancora un miliardo all’anno per i prossimi tre anni. Il ministro ha anche imposto un tetto alla spesa per il welfare, ovvero benefit e sussidi che sono destinati soprattutto ai chi non ha lavoro, alle mamme single e ai disabili.