Funari, l’ex assessore di Alemanno indagata per mazzette. Michela Allegri e Valentina Errante, Messaggero

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 ottobre 2014 11:20 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2014 11:22
L'ex assessore Funari indagata per mazzette. Michela Allegri e Valentina Errante, Messaggero

L’ex assessore Funari indagata per mazzette. Michela Allegri e Valentina Errante, Messaggero

ROMA – “Tredici indagati: imprenditori, dipendenti pubblici e politici – scrivono Michela Allegri e Valentina Errante del Messaggero – Le ipotesi della procura sono di corruzione, istigazione alla corruzione, truffa aggravata e abuso d’ufficio: perché un ex assessore ha barattato la gestione di mercati e parcheggi con appartamenti in periferia per fare fronte all’emergenza abitativa”.

L’articolo completo:

Ieri i militari del nucleo Tributario della Guardia di Finanza si sono presentati nell’ufficio e nell’abitazione di Lucia Funari, ex assessore al Patrimonio della giunta Alemanno. Il sospetto del procuratore aggiunto Francesco Caporale e del pm Maria Letizia Golfieri è che dietro a quel ”patto” ci fossero mazzette.
L’INDAGINE
L’inchiesta, partita nel 2012, riguarda l’affidamento ad alcuni imprenditori dei mercati in via Cola di Rienzo, in via Chiana, al Salario, in via Antonelli, ai Parioli e in via Magna Grecia. Sul registro degli indagati, oltre al nome dell’ex assessore Funari, sono finiti anche quelli di Antonio Zambrini e Giuseppe Loddo, dirigenti del dipartimento Programmazione e attuazione del Campidoglio. L’ipotesi è che i pareri e le decisioni per l’affidamento delle areee in zone strategiche della città siano state in qualche modo condizionate da mazzette e regalie. Sotto accusa la Cam, srl, di Angelo Marinelli, anche lui indagato, la ”Augusta Parcheggi” e la ”Marco Polo 2010”, le società che hanno ottenuto gli appalti.
LA DELIBERA

Al centro degli accertamenti è finita la delibera 129 del 2012, qualcuno l’ha chiamata ”delibera Cam”. Il provvedimento prevedeva l’ampliamento dei parcheggi interrati sotto i mercati rionali del centro cittadino e la loro gestione per un determinato numero di anni. In cambio, il comune di Roma ha ottenuto la loro riqualificazione e una quota di alloggi in in periferia da affittare a prezzi bassi. Una vicenda che comincia con la stesura del Piano urbano parcheggi e la previsione di decine di strutture interrate. Due società, poi acquisite dalla Cam srl, avevano diritto alla realizzazione di due parcheggi, uno a Grotta Perfetta, l’altra sulla Cassia. Zone ritenute inidonee, la Cam ha avanzato all’amministrazione comunale la richiesta di ricollocare quei diritti. La proposta è stata accolta e nel 2007 con un’ordinanza i “diritti” sono stati dirottati sugli altri mercati.
IL CAMPIDOGLIO
Già nei mesi scorsi il Campidoglio aveva nominato un direttore di area per supervisionare l’operato dell’ex assessore Funari, attualmente dirigente del dipartimento Mobilità. Ed era stato lo stesso sindaco Marino, al momento del suo insediamento, a chiedere controlli approfonditi agli ispettori del Mef e alla Guardia di Finanza, anche su questi procedimenti amministrativi.