Lite Giletti-Capanna, Filippo Facci: “Da antiemetici, ma sto con Capanna”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 febbraio 2015 6:31 | Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2015 18:35
Lite Giletti-Capanna, Filippo Facci: "Da antiemetici, ma sto con Capanna"

Lite Giletti-Capanna, Filippo Facci: “Da antiemetici, ma sto con Capanna”

ROMA – Filippo Facci sta con Mario Capanna. E non se ne fa una ragione visto che politicamente i due non sono certo vicini. Il giornalista di Libero in un breve commento torna sul violento alterco tra Capanna e il conduttore Rai Massimo Giletti sulla questione vitalizio. E spiega, in modo efficace, perché tutto sommato, solidarizza con Capanna.

Per il video della lite clicca qui

Scrive Facci:

Non perdonerò mai a Massimo Giletti (L’Arena, Raiuno) di avermi costretto a solidarizzare persino con Mario Capanna, un settantenne ripescato – in mancanza d’altro – come simbolo dell’odiata casta. Premessa: Capanna prende un vitalizio di 5000 euro al mese e, spacciandola per battaglia sindacale in difesa dei pensionati, ha fatto ricorso al Tar per evitare una decurtazione del 10 per cento. Però, sul web, c’è questo spezzone con Giletti che fa il forte con il debole e ci aggiunge pure l’arroganza del populista televisivo.

Va così: prima Giletti chiede a Capanna del suo vitalizio, poi Capanna di rimando chiede a Giletti quanto prende per fare il conduttore per il servizio pubblico. Non sia mai: Giletti risponde che i suoi 333mila euro annui sono cosa nota e che Capanna dunque poteva informarsi (ma allora poteva farlo anche Giletti) e morale: Capanna dice “noi ti diamo un canone per farci rincoglionire da te” e Giletti risponde “voi rubate i soldi in questo modo a chi è onesto”, nientemeno.

Giletti poi dice che “era una metafora” e si mette a raccontare di Isabella, “una che si alzava alle 4 di mattina” e che dopo varie peripezie da pendolare “è morta di infarto: io lavoro per questa gente, non per lei, Capanna”. Infine Giletti scaraventa a terra i fogli col libro di Capanna e lancia la pubblicità, tra gli applausi di una claque di poveracci che vogliono farsi vedere in televisione. Il cuore dei Giletti contro la casta dei Capanna. Da prendere gli antiemetici.