Lufthansa, rischio bancarotta: oltre ai debiti risarcimenti Germanwings

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Marzo 2015 11:37 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2015 11:42
Lufthansa, rischio bancarotta e allarme sicurezza

Lufthansa

ROMA – “There is no better way to fly” (non c’è miglior modo di volare) è il motto della Lufthansa da quando nacque 89 anni fa, il 6 gennaio 1926. Ma la catastrofe sulle Alpi francesi, con risarcimenti alle famiglie delle vittime che potrebbero costare alla compagnia 320 milioni, sta solo accelerando un amaro risveglio: da qualche anno Lufthansa affronta una crisi durissima. Adesso la sua immagine è a rischio, come fu per Air France dopo la sciagura del ‘330’ Rio-Parigi inabissatosi nell’Atlantico, o per Alitalia prima della svolta.

Le cifre sono pesanti. 720 milioni di perdite nell’ultimo bilancio, senza contare gli scioperi, quote di mercato sottratte dai nuovi giganti dei cieli come Etihad, Fly Emirates o Qatar Airways. In questo quadro si aggiunge il crollo sul fronte sicurezza dall’11 esimo al 18 esimo posto. I medici aziendali sono troppo pochi per controllare i 5400 piloti e così il caso Lubitz può ripetersi in qualunque momento. Insomma a quanto pare la compagnia tedesca dovrà affrontare un periodo nero.

Come scrive Andrea Tarquini sulla Repubblica,

non se lo aspettavano, quando nel 1926 cominciarono servizi sicurissimi e di lusso con gli Junkers F-13, i primi aerei civili in metallo nel mondo, poi coi trimotori Ju-52. Rotte per Parigi e Londra, Roma e Stoccolma, Mosca, Il Cairo e le Americhe. Anche coll’elegante quadrimotore Condor. Ci pensò Hitler ad assestare il primo colpo al cuore: asservimento al nazismo, aerei requisiti per la guerra di Spagna e l’attacco alla Polonia, o come velivoli personali suoi e dei gerarchi.

Nel 1945, la flotta era all’anno zero, come tutto il Paese. Già nel gennaio 1953 i poderosi Super Constellation americani di Lufthansa introdussero nuovi standard di lusso nel lungo raggio. La riunificazione rese la gru ancor più grande. Flotta di 330 aerei e passa, preferita dagli uomini d’affari del nuovo mondo globale. Pochi incidenti: un Jumbo a Nairobi nel ’74, un 320 a Varsavia nel ’93. Ma lento iniziò il declino: privatizzazione, fame di guadagni in Borsa, servizio a bordo sempre più frugale, poi tagli peggiori: i medici aziendali sono troppo pochi per controllare quell’armata di 5400 piloti. E arabi, turchi e cinesi col cuoco a bordo e aerei più nuovi si prendono la clientela migliore, mentre nel low cost Germanwings è un nano rispetto a Easyjet o Ryanair. Quo vadis, Lufthansa? Sullo sfondo non c’è solo Andreas Lubitz (…)