Macchinari utensili, record di ordini delle imprese italiane

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 luglio 2015 12:27 | Ultimo aggiornamento: 24 luglio 2015 12:27
Macchinari utensili, record di ordini delle imprese italiane

Macchinari

ROMA – Le imprese italiane sono tornate a comprare macchine utensili. Grazie agli incentivi della Sabatini sicuramente, per rinnovare il parco già esistente o per ampliare la produzione, ancora non è possibile dirlo con certezza.

Come riporta Cristina Casadei sul Sole 24 ore,

Con il secondo del 2015, diventano quindi sette i trimestri consecutivi in cui l’indice degli ordini di macchine utensili dei costruttori italiani ha registrato un segno positivo. L’osservatorio mostra che a crescere non è più solo l’export. L’indice degli ordini interni ha infatti segnato un nuovo incremento, pari al 46,7% rispetto al periodo aprile-giugno 2014. Quel mercato interno che nel 2008 è crollato del 40% si sta riprendendo, anche se è evidentemente difficile ritornare ai livelli pre-crisi. Quanto all’estero l’indice degli ordini raccolti è risultato sempre in crescita, questa volta del 26,1%. In un momento così delicato per il mercato interno, però, il presidente dell’Ucimu, Luigi Galdabini, chiede «misure di politica industriale capaci di supportare la ripresa e assicurarne continuità». Dal canto loro le imprese confidano che EMO MILANO 2015, la mostra mondiale di settore a Fieramilano il prossimo ottobre, dia una spinta ai consumi di sistemi di produzione nel nostro paese.

La crescita la raccontano in molti tra i produttori di macchine utensili. «Costante ormai dal 2012», alla Rollwasch di Albiate (Monza-Brianza), un gruppo che ha 60 dipendenti, fattura sui 7 milioni di euro e investe il 10% del fatturato in ricerca e sviluppo, spiega l’amministratore delegato Ambra Redaelli. «Dopo il nostro rilancio l’aumento del fatturato è stato ogni anno intorno al 15% e anche quest’anno prevediamo di raggiungere questa percentuale», dice la manager. L’ottimismo che arriva da Albiate consente di capire l’andamento di molti settori perché la Rollwasch produce macchine per la finitura delle superfici dei metalli ed opera nei settori più disparati. Sono clienti i produttori di rubinetti, di maniglie la Zecca dello Stato, i produttori di forbici, il biomedicale. Redaelli parla di oltre 200 settori di riferimento. Da ultimo l’aeronatica dove «nel 2009 abbiamo iniziato a studiare e sviluppare una soluzione per la superfinitura delle palette (blades) delle turbine dei motori di aerei ed elicotteri», racconta Redaelli. La forte vocazione all’innovazione ha portato l’azienda ad iscriversi all’albo ufficiale delle Pmi innovative voluto dal ministero dello Sviluppo economico (…)