Manovra 2016 da 15 mld: fiscal compact spada di Damocle, spauracchio clausola Iva

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Marzo 2015 14:01 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2015 14:01
Manovra 2016 da 15 mld: fiscal compact spada di Damocle, spauracchio Iva

Manovra 2016 da 15 mld: fiscal compact spada di Damocle, spauracchio Iva

ROMA – Manovra 2016 da 15 mld: fiscal compact spada di Damocle, spauracchio Iva. Nel 2016 potremo approfittare di un aumento del Pil, se Dio vuole, di una minore spesa di interessi sul debito con lo spread favorevole, di un euro debole, di una quota di capitali che rientrano dall’estero: eppure il prossimo anno servirà una manovra (Def, la cui anticipazione va fatta entro il 10 aprile) da 15 miliardi circa per evitare che giungano a compimento le minacce degli ormai permanenti spauracchi del fiscal compact (5 miliardi) e della famigerata clausola di salvaguardia che, in caso i risparmi attesi dalla dolorosa spending review non vadano in porto, fa scattare l’aumento automatico del 2% sull’Iva. Roberto Petrini su La Repubblica misura entità e modalità della prossima manovra.

La priorità è quella di non aumentare le tasse e dunque quella di scongiurare il previsto rincaro dell’Iva di due punti percentuali dal primo gennaio del prossimo anno: la garanzia risale alla vecchia spending review di Cottarelli del 2014 quando appunto si stabilì che nel 2016 si sarebbero dovuti fare tagli a regime per 16 miliardi. Guai a non farli, si stabilì, perché altrimenti scatterà automaticamente l’aumento delle tasse. Dei 16 miliardi di tagli tuttavia già 5-6 sono in atto da quest’anno: per questo c’è attesa per verificare se le norme della legge di Stabilità per Comuni, Province e Comuni stiano “mordendo” ovvero non siano stati vanificati.

Ci sarebbero così da recuperare circa 10 miliardi per i quali si conta sulla spending review affidata, a Palazzo Chigi, al nuovo commissario Yoram Gutgeld che, in collaborazione con Via Venti Settembre, sta stilando le priorità. Le misure arriveranno naturalmente in autunno, con la nuova legge di Stabilità, ma già nel Def si affacceranno. Si va dal comparto enti locali e sanità dove si punta alla implementazione dei costi standard, all’intervento sulle pensioni di invalidità (senza intaccare il livello delle prestazioni e nell’ambito di una riforma dell’assistenza).

La difesa e le forze di polizia non rimarranno fuori: recentemente il governo Cameron ha annunciato una riduzione delle spese per la Difesa che sono superiori tuttavia a quelle italiane (il nostro Paese spende l’1,6 per cento del Pil e la Gran Bretagna il 2,3). Nel mirino torna anche la riforma dei corpi di polizia: come è noto in Italia sono sovrabbondanti e tra le ipotesi c’è un intervento sulla Forestale. L’altro grande settore è quello delle agevolazioni fiscali, in particolare quelle alle imprese: si riaffaccia il piano Giavazzi che indicava in circa 10 miliardi i sussidi e le agevolazioni concesse al mondo industriale e potenzialmente aggredibili.

La partita tuttavia non si esaurisce qui. Perché oltre all’Iva c’è il problema di rispettare il piano di rientro del deficit concordato con Bruxelles. La Nota di aggiornamento dell’ottobre scorso, dopo il braccio di ferro che ci condusse a rafforzare la Stabilità, fissa il deficit per quest’anno al 2,6 per cento del Pil: se sarà raggiunto questo obiettivo, quello successivo prevede di scendere all’1,8 per cento. Questa manovra sarà più semplice del previsto grazie alla ripresa: considerando una crescita per il 2016 dell’1,3 per cento (cifra di Bruxelles, già più alta dell’1 previsto dall’Italia) la discesa viene definita «automatica» perché la maggior crescita consentirà di ridurre il rapporto deficit-Pil dello 0,7 per cento. Saremo vicini dunque all’1,8 previsto.

Tutto bene? Niente affatto, perché siamo sotto osservazione continua di Bruxelles, che qualche settimana fa ci ha “graziato” e che per il prossimo anno è pronta a chiedere uno 0,3 per cento di manovra per raggiungere il pareggio di bilancio strutturale, cioè al netto della congiuntura. Non si potrà derogare perché quest’anno abbiamo beneficiato dell’alibi della congiuntura (“very bad times”, nel glossario di Bruxelles), mentre il prossimo anno ci sarà la ripresa. Risultato: non ci saranno scuse e, oltre ai 10 miliardi della spending review, dovremmo trovarne altri 5 per onorare il Fiscal compact. (Roberto Petrini, La Repubblica)