Marchini seduce Forza Italia: “Insieme per battere Ignazio Marino”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Marzo 2015 12:11 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2015 12:11
Marchini seduce Forza Italia: "Insieme per battere Ignazio Marino" (foto Ansa)

Marchini seduce Forza Italia: “Insieme per battere Ignazio Marino” (foto Ansa)

ROMA – Il sabato di Alfio Marchini nel villaggio di Forza Italia è, parafrasando le sue parole “l’inizio di un percorso da fare insieme, ma con nuove logiche, fuori dalle vecchie alleanze dei partiti”.

L’articolo di Simone Canettieri del Messaggero: . Succede tutto all’hotel Ergife, dove è in corso la convention di Forza Italia che oggi si chiuderà con il sigillo di Silvio Berlusconi. In questo sabato si parla di Europa e città metropolitane: ci sono il simpatico segretario del Ppe Antonio Lopez Isturiz («Cristoforo Colombo era socialista: non sapeva dove andava e si faceva pagare tutto dagli altri») e il sindaco diMadrid Ana Maria Botella Serrano. Ma il vero ospite è Marchini. Che fa sognare la platea azzurra, senza voli pindarici: «Niente fesserie: non sono il delfino di Berlusconi. Berlusconi ha solo un successore: se stesso». Arfio, come lo chiama Maurizio Gasparri, debutta così: «Non attaccherò il sindaco: Marino è già il passato. Quando la città è in difficoltà non c’èmai». L’AFFONDO Poi entra a gamba tesa sulle inchieste di questi giorni in Comune e Regione: «Troppo doppiopesismo: se avessero toccato il centrodestra adesso sarebbe partita la criminalizzazione». Miele per Forza Italia che sogna un «modello Madrid», e intanto Marchini come un torero infilzaMarino di continuo. Ma Matteo Renzi, no. «Mi sta simpatico, il Governo deve andare avanti per sfruttare la ripresa, ma non può continuare a proteggere chi per incapacità manifesta blocca Roma»(…).