Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano: “10 idee contro la svolta autoritaria”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Luglio 2014 8:10 | Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2014 8:10
La prima pagina del Fatto Quotidiano

La prima pagina del Fatto Quotidiano

ROMA – Da oggi – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano – raccogliamo le firme contro la “Democrazia Autoritaria” del combinato disposto Italicum-Senato delle Autonomie (come abbiamo illustrato nei 10 punti di domenica 6 luglio) e a favore di una “Democrazia Partecipata” con 10 proposte “aperte” elaborate con il contributo di alcuni fra i più autorevoli costituzionalisti. Eccole.

1. CAMERA 400 deputati con indennità dimezzate, eletti con il Mattarellum (75 % maggioritario e 25 proporzionale a preferenza unica) o col doppio turno alla francese. Primarie obbligatorie e tetto massimo di 2 mandati.

2. SENATO 100 senatori con indennità dimezzate, eletti per un solo mandato col proporzionale a preferenza unica in 20 circoscrizioni regionali (da 3 a 6 per ciascuna). Niente fiducia al governo e fine del bicameralismo perfetto, salvo per le leggi costituzionali e quelle ordinarie che la maggioranza dei senatori chieda di modificare.

3. OPPOSIZIONE Partiti e movimenti minori o neonati potranno far eleggere deputati nei collegi alla francese o avranno “diritto di tribuna” nella quota proporzionale del Mattarellum; e senatori grazie al proporzionale. Divieto di “ghigliottina” anti-ostruzionismo.

4. IMMUNITÀ PARLAMENTARE Abolita l’autorizzazione a procedere per arrestare, intercettare e perquisire i parlamentari è abolita sia alla Camera sia al Senato. Insindacabilità per opinioni e voti. Sospensione per arrestati e rinviati a giudizio, decadenza per i condannati definitivi. Corsie preferenziali per i processi ai parlamentari.

5. CAPO DELLO STATO Eletto per un solo mandato dai 500 parlamentari (senza più delegati regionali), gode delle prerogative espressamente previste dalla Costituzione. Per reati gravi, il Parlamento può votare l ’ impeachment anche senza attentato alla Costituzione o alto tradimento.

6. CSM Gli 8 membri laici eletti per metà dal Parlamento con i due terzi (escludendo i politici) e per metà da Consigli giudiziari e rappresentanze dell’Avvocatura; i 16 togati eletti fra magistrati estratti a sorte.

7. MAGISTRATURA E POLITICA Magistrati ineleggibili prima di 3 anni dalla cessazione dalle funzioni. Stessa incompatibilità, per 5 anni, per chi ha fatto parte del Csm e della Consulta.

8. PROCURATORI E PM Il Procuratore non è più padre-padrone dei pm, ma il coordinatore – in base a regole chiare – di aggiunti e sostituti dotati della garanzia dell’indipendenza e autonomia esterna (da ogni altro potere) e interna (dai vertici dell’ufficio).

9. INFORMAZIONE Nuove leggi sulle tv, il conflitto d’interessi e l’antitrust: la Rai va a una fondazione indipendente che rappresenta lavoratori, produttori, artisti, giornalisti, editori, utenti; chi ha ruoli politici non può possedere quote in tv e giornali; editori puri per la carta stampata; via i sussidi pubblici alla stampa; un canale tv “in chiaro” e uno via satellite per ciascun editore.

10. CITTADINI ATTIVI Referendum abrogativo e anche propositivo con almeno 500 mila firme e quorum al 30 % + 1. Obbligo di discutere e votare entro 6 mesi le leggi di iniziativa popolare con almeno 50 mila firme.