Rassegna Stampa

Marijuana legale per risanare la sanità, Il Giornale: “Follia Pd del Lazio”

Marijuana legale per risanare la sanità, Il Giornale: "Follia Pd del Lazio"

Riccardo Agostini

ROMA – Il consigliere Riccardo Agostini propone di legalizzare la cannabis sia a scopo medico che ricreativo e di usare i ricavi per risanare il buco della sanità della Regione.

Scrive Francesca Angeli sul Giornale:

Spinello adesso fa rima con balzello. La sanità ha mandato i conti della Regione Lazio in rosso per 900 milioni di euro? Nel Pd qualcuno pensa di tappa­re il buco legalizzando la marijuana per poi tassarne il consumo. La Regione dovrebbe trasformarsi in spac­ciatore per pagare i debiti. Non solo. Il progetto poi po­trebbe allargarsi a tutto il Paese con la gestione delle canne da parte del monopolio di Stato. Questa «idea meravigliosa» è scaturita dalla mente del consi­gliere regionale del Lazio, Ric­cardo Agostini, Pd eletto nella lista di Nicola Zinga­retti, che ha presentato una mo­zione ancora non calendarizza­ta ma che dovrebbe essere di­scussa presto in consiglio. La proposta va oltre quelle presen­tate dagli antiproibizionisti an­che nelle ultime settimane che puntano sì a legalizzare le cosid­dette droghe leggere ma non a renderle una fonte di guada­gno per le casse pubbliche.

In questo caso la legalizza­zione e dunque la depenalizzazione del consumo di cannabis, almeno nella sua prima fase, avrebbe co­me scopo prioritario quello di ripianare i debiti e dare respiro alle casse regionali. Agostini parla di un pro­getto sperimentale dove la Regione Lazio potrebbe fungere come apripista per la «legalizzazione della cannabis non soltanto a scopo medico ma anche ri­creativo prevedendone il monopolio di Stato come per il tabacco».

Una simile scelta, sostiene Agostino, avrebbe subi­to l’effetto di fermare il giro di malaffare che ruota in­torno allo spaccio. Quei guadagni illeciti si potrebbe­ro così trasformare in entrate fiscali lecite attraverso la gestione di tutto il processo di produzione e com­mercializzazione da parte della Regione (…)

To Top