Matteo Renzi ha problemi di “bulimia”, secondo Galli della Loggia sul Corriere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Luglio 2013 4:58 | Ultimo aggiornamento: 1 Luglio 2013 21:02
Matteo Renzi ha problemi di bulimia, secondo Galli della Loggia sul Corriere

Matteo Renzi ha problemi di bulimia, secondo Galli della Loggia sul Corriere (LaPresse)

ROMA – “La bulimia del candidato”: così Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della Sera fotografa il momento difficile di Matteo Renzi, forse dato da troppi come cavallo vincente del centrosinistra alle prossime elezioni politiche:

“Sei mesi fa l’Italia era completamente innamorata di Matteo Renzi: con lui il Pd avrebbe di sicuro vinto le elezioni alla grande. Ma pure oggi, e anche domani, egli rappresenterebbe un candidato di certo fortissimo in qualunque nuova elezione. Le cause della popolarità del sindaco di Firenze sono notissime. All’Italia vecchia e immobile del sempre eguale, all’Italia dell’insipida chiacchiera politica per addetti ai lavori, dell’arabesco concettuale avvitato su se stesso, egli contrappone con la sua figura un Paese giovane, voglioso di muoversi e di mettere nuovamente alla prova le proprie energie, di tentare vie nuove. Che parla senza usare mezze parole. […]

Proprio da questo punto di vista appare sostanzialmente incomprensibile quanto egli sta facendo da tre mesi, accettando – e anzi, si direbbe, addirittura sollecitando – di essere coinvolto nelle manovre di un partito, il Pd, che è sì il suo partito, ma che per tantissimi versi è il suo contrario. Un partito vecchio […] un partito campione di conformismo e di omologazione culturale […] il partito di quelli per antonomasia «politicamente corretti» mentre Renzi proprio da costoro è detestato.

È singolare che oggi egli si faccia tentare dall’idea di diventare il segretario di un partito del genere. E dunque s’infili in una trafila quotidiana di trattative e di manovre, di interviste e di dichiarazioni, che hanno il solo effetto di consumarne terribilmente l’immagine. Pur nell’ipotesi che riuscisse a fare il segretario e si andasse entro breve tempo – diciamo un anno – alle elezioni, Renzi, tra l’altro, si troverebbe davanti a un’alternativa comunque scomodissima: o fare la campagna elettorale alla testa di un partito ancora pieno di Rosy Bindi, di Finocchiaro, di Cuperlo e compagnia bella, e magari con un D’Alema passato inopinatamente dal ruolo di Grande Rottamato a quello di Lord Protettore, dunque un partito che sarebbe la smentita vivente di ciò che invece è il suo segretario; […]

Ma se le cose stanno così non sarebbe assai più conveniente per il sindaco di Firenze stare ad aspettare sotto la tenda? Dopotutto il Pd sa bene che se vuole davvero vincere un’elezione politica altri candidati oltre lui non ci sono (essendo francamente incredibile che a Largo del Nazareno ci sia qualcuno che pensa di convincere gli italiani a farsi governare da Fassina o da Civati). È solo a Renzi che il Pd può ricorrere. E a quel punto egli sarebbe in grado di imporre agevolmente le sue condizioni: sia per il programma che per la composizione delle liste. […]”