Migranti, avvocato gratis per asilo. Costo ricorsi 600 mln

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 Settembre 2015 16:40 | Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2015 16:40
Migranti: asilo negato, avvocato gratis. Costo ricorsi 600mln

Migranti: asilo negato, avvocato gratis. Costo ricorsi 600mln

ROMA – Nel 2014, le Commissioni territoriali hanno respinto il 37% delle domande di asilo. Per la legge italiana costoro hanno tempo 30 giorni per presentare ricorso in Tribunale. E le spese legali sono a carico dello Stato. Risultato? Il costo dell’accoglienza lieviterebbe fino all’esorbitante cifra di 600 milioni di euro. A fare i conti è Giuseppe De Lorenzo sul quotidiano Il Giornale.

La stima si basa su un calcolo approssimativo che somma i 35 euro al giorno, stanziati per vitto e alloggio, più le parcelle degli avvocati. Annota Il Giornale:

Il Palazzo di giustizia di Milano, per esempio, prevede una spesa per l’erario di 900 euro per il primo grado. Per l’appello, secondo le testimonianze che abbiamo raccolto da alcuni avvocati e tenendo presente i tabellari emessi dal ministero della Giustizia, si può stimare un onere tra gli 800 e i 1.200 euro. Mentre gli avvocati cassazionisti, nel caso ci si arrivi, possono chiedere fino a 3.018 euro, anche se difficilmente gli verranno accordati. Ecco dunque che il totale si aggira intorno ai 2.000/3.000 euro per ogni ricorso.

Non è verosimile, ma seguiamo il ragionamento, che tutti i 18.000 asili negati del 2014 finiscano davanti al giudice: il conto sale a 36- 54 milioni di euro. A questi bisogna sommare i costi dell’accoglienza (i famosi 35 euro al giorno) perché i migranti sono in teoria tenuti a restare nei centri di accoglienza fino alla conclusione dell’iter giudiziario.

Secondo gli operatori del settore – riporta ancora il Giornale – tutto il percorso giudiziario può durare più di un 1 anno. Ovvero 13mila euro a migrante. Che diventano 234 milioni per le domande d’asilo del 2014.

Il Giornale non fa sconti e aggiunge anche “i costi di cancelleria e di personale che l’accumulo di pratiche produrrà nel Palazzi di giustizia”. Morale della favola?

“I loro ricorsi ci costeranno dunque tra i 54 e gli 81 milioni all’anno di patrocinio gratuito. Più altri 351 milioni per ospitarli 12 mesi nei centri d’accoglienza. […] Per gli ultimi due anni di sbarchi, il 2014 e il 2015, spenderemo per i processi tra i 675 e i 720 milioni di euro. Consideriamo pure che qualcuno non presenti ricorso e scendiamo pure a 600 milioni”.