Mps, Alessandro Profumo si dimette. Massimo Tononi nuovo presidente

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 luglio 2015 10:47 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2015 10:47
Mps, Alessandro Profumo si dimette. Massimo Tononi nuovo presidente

Mps, Alessandro Profumo si dimette. Massimo Tononi nuovo presidente

MILANO – Alessandro Profumo ha rassegnato le dimissioni da Montepaschi e al suo posto arriverà Massimo Tononi, già presidente della Borsa Italiana e di Prysmian. Il prossimo 6 agosto l’incarico sarà ufficializzato per Tononi, mentre alla direzione generale arriva Davide Usai.

Fabrizio Massaro sul Corriere della Sera scrive che l’assemblea dei soci ha scelto il nome di di Tononi:

“Sulla scelta di Tononi ha pesato anche l’imprimatur del governo Renzi, dopo che il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, aveva incontrato nei giorni scorsi Tononi a via XX Settembre. Il ministero ha voce in capitolo su Mps perché ne è diventato il secondo azionista con il 4% dopo aver incassato in azioni gli interessi sulla parte residua di Monti Bond, il prestito di Stato da 4,07 miliardi ottenuto dalla banca nel 2013 ed estinto un mese fa.

Anche Alessandro Falciai, l’imprenditore ex patron di Dmt-Ei Towers che con l’1,7% è riuscito a conquistare 4 posti in consiglio, ha dato il suo benestare su Tononi, che è comunque stato individuato dai soci del patto di sindacato (che la Fondazione vorrebbe riscrivere). «È una figura di altissimo profilo; c’è grande soddisfazione», ha detto il presidente dell’ente, Marcello Clarich. Proprio ieri la Fondazione ha indicato come nuovo direttore generale Davide Usai.

L’incarico a Tononi sarà formalizzato al consiglio del 6 agosto. Insieme con l’amministratore delegato Fabrizio Viola dovrà prendere le redini di Mps per accompagnarla all’integrazione con un’altra banca, come richiesto dalla Bce. Domani scade il termine indicato da Francoforte per chiudere la partita del derivato Alexandria con Nomura e indicare i «milestone», i passaggi chiave per l’integrazione. Su quest’ultimo punto Mps farà valere l’incarico agli advisor Ubs e Citi. Circa Nomura, sosterrà che Alexandria è rientrato nella soglia dei «grandi rischi» (cioè di un’unica esposizione oltre il 25% del patrimonio) grazie a nuovi criteri di calcolo fissati dall’Eba.

Ieri è stata la giornata del commiato a Profumo, che lascia dopo tre anni «intensi», come li ha definiti una nota della banca. Nei 40 mesi in cui Profumo è stato presidente, Mps ha fatto 8 miliardi di aumenti di capitale, rimborsato gli aiuti di Stato, pagato 1 miliardo di cedole al Tesoro, tagliato i costi, ripulito i bilanci. E contemporaneamente, come Abi, ha anche riscritto i contratti dei bancari, una partita complicatissima per la quale ieri il segretario della Fabi, Lando Maria Sileoni, l’ha voluto ricordare come «grande professionista, persona equilibrato e con grande senso di responsabilità»”.