Napolitano fra critiche e silenzi: “Tornata monarchia, Governo non serve”

Pubblicato il 31 Marzo 2013 12:20 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2013 12:21
giorgio napolitano

Napolitano: critiche da destra e sinistra

La decisione di Giorgio Napolitano di restare al suo posto fino alla fine ha fatto piacere a tutti. Meno successo di opinione pubblica e di stampa ha invece ottenuto l’idea un po’ arcana e decisamente inspiegabile anche nella scelta dei nomi, di due commissioni di saggi che non si è ancora capito bene a cosa serviranno.

Quella di restare al Quirinale fino al 15 maggio, era l’unica scelta possibile anche perché se Napolitano avesse lasciato subito la carica di Presidente della Repubblica non avrebbe ottenuto lo scopo voluto, quello di anticipare di un mese la scelta del successore, a causa del ritardo nella formazione del collegio dei grandi elettori dovuto alle elezioni in Friuli Venezia Giulia che si terranno il 21 aprile.

Al contrario, le dimissioni avrebbero lanciato al mondo un messaggio devastante, che anche l’autorità suprema aveva abbandonato la nave, altro che Schettino che almeno prima di andarsene l’ha fatta arenare e avrebbe lasciato l’Italia per un mese nelle mani del vanitoso Pietro Grasso, il Presidente del Senato che si è sentito in dovere, appena eletto, di andare in tv per replicare alle critiche del giornalista Marco Travaglio

Il tutto mentre a palazzo Chigi c’è Mario Monti, il signore che, volendoci cambiare, ci ha fatto colare a picco e, checché ne dica Napolitano sarà anche operativo, ma è dimissionario ed è stato chiaramente dimissionato dagli italiani alle elezioni e dall’opinione pubblica internazionale di conseguenza.

Non ha riscosso entusiasmo invece l’dea dei saggi.

Si fa dalle espressioni estreme:

Il Giornale: “Quirinale coi super poteri. Il golpe di Napolitano. Si inventa due gruppi di esperti per prendere tempo e lascia il Paese in mano a Monti: stracciata la Costituzione“.

Se poi la mossa doveva essere gradita a destra, ecco la smentita:

Berlusconi: quelle commissioni non ci rappresentano. E nessuno ci ha chiesto l’ok”.

Libero: “È tornata la monarchia”

Manifesto: “Ho visto un re”.

Il Fatto: “Napolitano, l’idea geniale: il overno non serve più”.

Ai titoli anodini e anche un po’ imbarazzati:

Sole 24 Ore: “Napolitano: nessuna intesa sul Governo. Avanti con Monti e Parlamento, sono operativi. Dieci saggi per intese di programma””.

La Stampa: “Napolitano, in campo i saggi”.

Corriere della Sera: “Napolitano mette in campo dieci saggi”.

Repubblica: “Napolitano: resto fino all’ultimo giorno”.