Nichi Vendola ci costa anche se va via: quasi 200mila euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 agosto 2015 11:22 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2015 11:22
Nichi Vendola (foto Ansa)

Nichi Vendola (foto Ansa)

ROMA – “La delibera resterà affissa all’albo del Consiglio regionale della Puglia fino al prossimo 23 agosto – scrive Franco Bechis di Libero – ed è la numero 68 del registro delle determinazioni. Oggetto: Impegno e liquidazione a saldo indennità di fine mandato al 31.12.2012 a favore del Presidente della Giunta Regionale uscente dottor Nicola Vendola”.

L’articolo di Franco Bechis: Si tratta di un assegnone – la liquidazione dell’ex presidente della Puglia – da quasi 200mila euro. Per l’esattezza: 198.818,44 euro, che Vendola ha rivendicato in una lettera del 29 giugno scorso inviata al nuovo Consiglio regionale della legislatura ora guidata da Michele Emiliano per chiedere «la liquidazione definitiva dell’indennità in argomento».Qualcunosi stupirà: ma come, Vendola non è uno dei primi presidenti di Regione ad avere abolito l’indennità di fine mandato? Sissignori: lo ha fatto perché l’imponeva una legge dello Stato del 2011 che tagliava i costi della politica. E se l’indennità è abolita, perché Vendola si prende quella maxi liquidazione? Risposta: perché come sempre è accaduto nel mondo della politica, tutte le leggi “virtuose” non si applicano a chi le ha scritte e approvate: valgono solo per quelli che verranno dopo (…).