Rcs, Mondadori, Espresso, 24 Ore: giornali, la crisi nei bilanci

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Aprile 2015 8:23 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2015 8:25
Rcs, Mondadori, Espresso, 24 Ore: giornali, la crisi nei bilanci

Rcs, Mondadori, Espresso, 24 Ore: giornali, la crisi nei bilanci

ROMA – Tempo di bilanci per i grandi gruppi editoriali italiani. L’Assemblea degli Azionisti de Il Sole 24 ORE S.p.A., che si è tenuta sotto la presidenza di Benito Benedini, ha approvato il bilancio dell’esercizio 2014. Nell’esercizio il Gruppo 24 Ore guidato dall’amministratore delegato Donatella Treu ha conseguito ricavi consolidati pari a circa 310,0 milioni, in aumento di 5,8 milioni rispetto ai 304,2 milioni di euro del 2013, (+1,9% rispetto al 2013).

Per tutto il 2014 il Sole 24 Ore si conferma il primo quotidiano digitale nazionale e dal mese di settembre 2014 è stabilmente il secondo quotidiano nazionale per diffusioni complessive carta più digitale con oltre 382,000 copie carta più digitale a dicembre 2014 (fonte ADS) con oltre 201,000 copie digitali (più 34,7% verso dicembre 2013) , in controtendenza rispetto al mercato, in flessione del 3,3% ( fonte ADS dicembre 2014).

Rcs. La sfida per i tre consiglieri di minoranza Rcs va ai fondi, ma Urbano Cairo riesce comunque a far eleggere un proprio rappresentante in Cda. Va senza intoppi poi l’elezione del ‘listone’ di maggioranza, composto con la regia dell’A.d di Mediobanca Alberto Nagel e sostenuto da Fca, Diego Della Valle, Intesa e Pirelli, che in assemblea ottiene sei consiglieri. Maurizio Costa viene così nominato nuovo presidente al posto di Angelo Provasoli, mentre viene confermato l’A.d Pietro Scott Jovane.

Il primo compito del nuovo consiglio sarà la nomina del successore di Ferruccio de Bortoli alla direzione del Corriere della Sera. Una nuova riunione del Cda dopo quella di insediamento è attesa già nei prossimi giorni. “E’ la nostra principale testata. Continueremo a mantenere il profilo di autorevolezza, indipendenza e capacità di innovazione che da sempre lo ha contraddistinto”, ha detto Jovane.

“L’Assemblea degli Azionisti di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., riunitasi sotto la presidenza di Marina Berlusconi – recita una nota del gruppo – ha esaminato il bilancio consolidato 2014 che evidenzia un risultato netto consolidato positivo per 0,6 milioni di euro e approvato il bilancio di esercizio al 31  dicembre 2014 di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A”.

L’Assemblea ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, che risulta così composto: Marina Berlusconi (Presidente), Ernesto Mauri, Pier Silvio Berlusconi, Oddone Maria Pozzi, Pasquale Cannatelli, Bruno Ermolli, Roberto Poli, Danilo Pellegrino, Alfredo Messina, Martina Forneron Mondadori, Marco Spadacini, Angelo Renoldi, Mario Resca e Cristina Rossello.

Per il gruppo L’Espresso i ricavi netti consolidati hanno registrato un calo del 6,6% rispetto al 2013. Il risultato netto consolidato è pari a €8,5 milioni rispetto ai €3,7 milioni dell’esercizio precedente. Confermati alla guida del gruppo Carlo De Benedetti, presidente e Monica Mondardini, ad.

E’ stato anche nominato il nuovo Cda per il triennio 2015-2017: Agar Brugiavini (indipendente), Alberto Clò (indipendente), Carlo De Benedetti, Rodolfo De Benedetti, Francesco Dini, Silvia Merlo (indipendente), Monica Mondardini, Elisabetta Oliveri (indipendente), Luca Paravicini Crespi (indipendente) e Michael Zaoui (indipendente), Massimo Belcredi.