Renzi-Berlusconi, Il Fatto: “7 minuti per un patto di ferro”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 febbraio 2014 9:45 | Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2014 9:45
Renzi-Berlusconi, 7 minuti per un patto di ferro

Berlusconi (LaPresse)

ROMA – Matteo Renzi stesso lo ha dovuto ammettere a caldo, appena terminato l’incontro: “Resta il numero uno, è in forma strepitosa, un cazzaro insuperabile”. Tutti complimenti, compreso il “cazzaro”. Il soggetto destinatario è Silvio Berlusconi, padrino del renzismo e della Terza Repubblica.

Scrive Fabrizio D’Esposito sul Fatto Quotidiano:

RENZI ARRIVA pure in ritardo. Al telefono avvisa, a metà mattinata: “Falli accomodare dove era Alfano ieri”. Ma tra i due, B. e Alfano, non c’è paragone, non c’è partita. Il Nuovo Centrodestra sarà costretto a entrare nel governo, per non morire. Questione di tempo. Il destino è già segnato stando almeno al colloquio riservato tra il Rottamatore e il Condannato. Il primo è con i suoi fedelissimi Delrio e Guerini, addetti all’ascolto e alla trascrizione delle consultazioni. Il secondo con i capigruppo parlamentari Romani (Senato) e Brunetta (Camera).

B. gigioneggia alla grande. Ci tiene a non sfigurare con la giovinezza smart del premier in pectore. Di qui un approfondito racconto di avventure erotiche, con nomi e cognomi delle protagoniste. Renzi ride. Delrio, che è monogamo credente con nove figli, ostenta un distacco imbarazzato. Guerini, al computer, smette di picchiettare i tasti. Tra tutti i verbali stilati tra ieri e martedì, questo farà la gioia degli storici. A conferma che la vera staffetta a Palazzo Chigi, saltando Monti ed Enrico Letta, è quella tra “Matteo” e “Silvio”.

Il Cavaliere si sofferma pure sul suo rapporto con Putin e racconta altre avventure in terra russa. Si sente a suo agio, con il leader che a sinistra ha rottamato anche “il comunismo”. Poi quando si tratta di fare sul serio restano a quattr’occhi. “Ci date cinque minuti?”, rivolti ai quattro testimoni. E i quattro eseguono, senza obiettare nulla. I minuti saranno sette per la precisione. Nasce un altro patto, che secondo una fonte berlusconiana “va oltre tutto”. È l’offerta totale del Condannato a Renzi: “Matteo quando vuoi noi ci saremo sempre, di me ti puoi fidare”. Questo il principio stabilito. Di qui tutto il resto: l’annientamento di Ncd, complice l’intoccabilità dell’Italicum; le garanzie su Giustizia e Comunicazioni, come anticipato sabato scorso dal Fatto ; finanche la pattuglia del soccorso azzurro dei dissidenti di Forza Campania (Cosentino), Forza Puglia e Forza Sicilia.

A PALAZZO GRAZIOLI , la residenza di B. nella Capitale, la versione autentica del colloquio segreto, durato sette minuti, è questa: “Di fatto è il governo Renzi-Berlusconi, saranno loro due a dettare i tempi della legislatura. Adesso c’è il primo tempo, poi ci sarà l’intervallo e finalmente inizierà il secondo tempo”. Nulla è da escludere, nel secondo tempo. Il doppio inciucio di Renzi, da un lato Alfano, dall’altro Berlusconi, alla fine condurrà a un sanguinoso duello fratricida a destra. E chi resterà in piedi, cioè B., prenderà il posto dell’altro nella maggioranza. Semmai il punto è: può il Condannato fidarsi di Renzi? Per il momento sì (…)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other