“Renzi, Berlusconi ti può fregare”. Marco Travaglio: “Giusto incontrarsi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 gennaio 2014 14:06 | Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2014 14:06

Rai Uno - Matteo Renzi ospite a  "Porta a Porta"ROMA – Il problema non è se Matteo Renzi doveva o non doveva incontrare Berlusconi: “La vera questione, ora, è che Renzi non si faccia fregare da quel noto baro di Berlusconi, che finora ha messo nel sacco chiunque credeva di farlo con lui”. E’ l’opinione di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano.

“Insomma, ciò che conta è che, se accordo ci sarà, produca una buona legge elettorale, non una qualsiasi, purchessia. Perciò, finite le consultazioni, Renzi dovrebbe prendere esempio dai 5Stelle e sottoporre il risultato a un referendum online fra gli iscritti del Pd”.

Non si può che convenire con Marco Travaglio che sul Fatto esamina le obiezioni all’incontro sotto il titolo “I guardiani del baro” e conclude, un po’ alla Beppe Grillo:

“Lorsignori se lo mettano bene in testa: la legge elettorale non è roba loro. Appartiene a noi cittadini”.

L’articolo è un po’ superato, però, da quel che è uscito dall’incontro Berlusconi Renzi. Il Fatto è stato il giornale che ha reagito più duramente con il titolo in prima pagina e anche all’interno: “Accordo con il condannato. Fuori i piccoli, guerra a Grillo”. “Matteo e Silvio, sintonia canaglia”.

Però né gli articoli del Fatto né quello di Travaglio vanno oltre e non si addentrano nelle evidenti porcate di sapore anche piduista su cui i due hanno convenuto nella sede del Pd. Gli argomenti di Marco Travaglio valgono comunque a superare il dibattito sul “se”.

“La politica italiana è un manicomio organizzato, i giornali di ieri mattina riprendevano le dichiarazioni dei lettiani, dei bersaniani, dei dalemiani e dei napolitaniani, cioè di tutti gli sconfitti da Renzi alle primarie del Pd, con questo titolo: “Se fa l’accordo con Berlusconi, cade il governo Letta”. Raramente si era concentrata tanta demenza in così poche parole: come può il governo Letta, nato dall’accordo fra B. e il Pd con la benedizione di Napolitano, cadere se il segretario del Pd si accorda con B.?Si dirà: ma B. e il suo partito non ne fanno più parte. Vero. Ma l’ha deciso B., non gli altri, che lo pregarono fino all’ultimo di restare con loro.

Si dirà: ma Berlusconi è un pregiudicato per frode fiscale. Vero. Ma lo è dal 1° agosto e ha lasciato la maggioranza e il Senato a fine novembre: per quattro mesi è rimasto, da pregiudicato, alleato del Pd senza che Letta, Bersani, D’Alema e Napolitano muovessero un sopracciglio.

Si dirà: ma se Renzi incontra Berlusconi nella sede Pd lo rilegittima e lo resuscita.

Dipende: è vero se fa un accordo per riportarlo al governo; è falso se fa un accordo per una legge elettorale che ponga fine alle larghe intese.

Si dirà: ma l’accordo per la legge elettorale va fatto con gli alleati di governo.

Falso: una legge elettorale imposta dalla maggioranza alle opposizioni sarebbe una mascalzonata identica a quella del centrodestra che nel 2005 varò il Porcellum per fregare il centrosinistra alle elezioni 2006.

Se Renzi facesse altrettanto, imponendo il sistema di voto a colpi di maggioranza (fra l’altro puramente virtuale, frutto del mostruoso “premio” del Porcellum appena dichiarato incostituzionale e antidemocratico dalla Consulta), regalerebbe a B. una formidabile arma polemica da spendere in campagna elettorale.

È naturale che l’iniziativa di proporre una o più leggi elettorali agli altri partiti spetti a quello che ha raccolto più voti (il Pd); e che i destinatari della proposta siano, nell’ordine, le altre forze più votate (5Stelle, FI, Scelta civica, Lega, Sel ecc).

Renzi s’è rivolto anzitutto a Grillo, che ha commesso un grave errore nel rispondere picche, rinchiudendosi autisticamente nel web-referendum fra gli iscritti (che è cosa buona e giusta, ma che non può legare preventivamente le mani ai “cittadini” di M5S, eletti apposta per occuparsi di questi temi in Parlamento). Tantopiù che aveva l’occasione di mettere in crisi il Pd, cogliendo al balzo la promessa di Renzi di rinunciare ai rimborsi elettorali, affamando i suoi apparati elefantiaci. In ogni caso, in attesa della consultazione fra gli iscritti, i 5Stelle sono in freezer e dunque Renzi, che ha una fretta boia, è passato al terzo partito classificato: FI.

Si dirà: con Berlusconi non doveva parlare perché è un delinquente. Vero, ma con chi altri di FI doveva parlare? Era meglio Verdini, che ha più processi che capelli in testa? Con Fitto o con la Santanchè, condannati in primo grado?

Dialogare con Berlusconi è il colmo dell’immoralità. Ma purtroppo nessuno, nel Pd, può credibilmente fare lo schizzinoso dinanzi all’incontro Renzi-B.

Non D’Alema che nel ’95 invitò Berlusconi al congresso del Pds, poi andò in pellegrinaggio a Mediaset e lo incontrò a fine ‘ 96 per farci insieme non una legge elettorale necessaria, ma una riforma costituzionale inutile anzi dannosa nella Bicamerale. Non Bersani, che incontrò B. l’anno scorso per fargli scegliere il candidato del Pd al Quirinale nella persona di Marini.

Non Letta jr., che si fece scegliere da Berlusconi come premier e lo incontrò per farci il governo di larghe intese. Non Napolitano, che ricevette Berlusconi per farsi chiedere di ricandidarsi e poi lo ringraziò per la sua condotta “da statista”?”.