Roma Eur: picchiavano ragazzi per rapinarli, presa baby gang

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Giugno 2015 13:36 | Ultimo aggiornamento: 12 Giugno 2015 13:36
Roma Eur: picchiavano ragazzi per rapinarli, presa baby gang

Foto d’archivio

ROMA – Una gang di strada che terrorizzava gli adolescenti dell’Eur picchiandoli per rapina. Un fenomeno criminale che ha suscitato panico e apprensione nei ragazzi e nelle famiglie che abitano in viale America, in viale Europa, piazza Don Sturzo e nelle altre strade vicine. In pochi giorni, nel periodo tra marzo e maggio, sono stati almeno cinque i ragazzi picchiati brutalmente da coetanei per il telefonino e il portafogli.

La notizia viene riportata da Marco De Risi per Il Messaggero:

Gli agenti del commissariato Esposizione, diretto da Francesco Zerilli, hanno indagato per più di un mese. Un’inchiesta difficile che ha portato all’individuazione di cinque minorenni che facevano parte della ”gang”. Si tratta di ragazzi fra i 16 e i 17 anni, già con qualche precedente penale, che vivono con le loro famiglie a Ladispoli e a Pomezia. I cinque venivano a Roma per imporre la loro forza e per terrorizzare i coetanei dell’Eur. Per uno di loro si sono aperte le porte del carcere minorile, mentre gli altri quattro sono stati destinati a strutture di recupero per minori.

Agghiaccianti le modalità dei colpi. La ”gang” agiva in pieno giorno anche davanti al Mc Donalds. Avvicinavano gli studenti e senza dire una parola li prendevano a pugni. Quando le vittime erano in terra venivano rapinate. Gli agenti del commissariato Esposizione hanno deciso che bisognava intervenire subito: si trattava di rapine in fotocopia, le cui vittime erano state refertate in ospedale con diversi giorni di prognosi per le percosse subite. Quindi è partita un’indagine basata sulle telecamere della zona, sui riconoscimenti e anche sui cellulari. Sono stati localizzati i telefonini rubati. Tassello dopo tassello, gli investigatori hanno individuato i responsabili: nelle loro abitazioni sono stati sequestrati gli oggetti rubati.

Ma l’indagine è solo agli inizi. I poliziotti sono convinti che vadano ricercati e arrestati altri componenti della banda. «Una gang pericolosa – dice un inquirente – Ci siamo trovati davanti a dei minorenni che agivano con tanta violenza e senza scrupolo». I genitori dei ragazzi picchiati, saputo dell’arresto dei responsabili, sono andati a congratularsi con i poliziotti del commissariato.