Roma, usi i “grattini” per pagare la sosta? Se multato non servono a nulla

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 gennaio 2014 10:44 | Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2014 10:44
Roma, usi i "grattini" per pagare la sosta? Se multato

Una multa (LaPresse)

ROMA – Roma caos nell’era di Ignazio Marino. Un nuovo esempio è proposto sul Messaggero da Davide Desario.

Se a Roma parcheggiate sulle strisce blu non usate i ”grattini” per pagare la sosta. Il motivo? Semplice: difronte a una multa non potrete dimostrare di essere in regola.

E’ l’incredibile conclusione a cui si giunge ascoltando la storia di Alessandra, una donna che lavora in Senato. Il 9 dicembre alle 9,20 parcheggia la sua Fiat 600 in via delle Zoccolette. Prende un grattino da 4 euro (tariffa agevolata 8 ore continuative), lo espone e va a lavorare. Al suo ritorno, alle 16, trova sul parabrezza una multa di un ausiliare del traffico Atac fatta alle 15,27. Istintivamente si rivolge a un vigile all’incrocio del Lungotevere e si sente rispondere: «Oggi è la quarta persona che mi dice questa cosa. Noi non possiamo farci nulla. E nemmeno lei perchè se fa ricorso non può dimostrare di aver grattato ed esposto il grattino prima della multa e di non averlo comprato a posteriori». Qualcuno dirà: ma perché un ausiliario dovrebbe multare una macchina in regola? Non si sa.

Lucilla Montanucci ha denunciato su Twitter il 10 gennaio: “Perché ausiliari del traffico multano le auto parcheggiate nelle strisce blu con tagliando disabili?”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other