Russia-Turchia, Famiglia Cristiana pro-Putin e anti-Obama

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Dicembre 2015 19:54 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2015 19:54
Russia-Turchia, Famiglia Cristiana pro-Putin e anti-Obama

Russia-Turchia, Famiglia Cristiana pro-Putin e anti-Obama

ROMA – La Turchia è amica dell‘Isis, ma la Russia è “l’impero del male”, quindi è bene che l’Italia e il cosiddetto Occidente resti schierato con gli Stati Uniti, che hanno deciso di… non decidere, e di non fare nulla.

Si dipana tutto sul filo dell’ironia l’articolo di Fulvio Scaglione, vicedirettore del settimanale cattolico Famiglia Cristiana, sulle ultime vicende che hanno visto Russia e Turchia opporsi sullo scacchiere mediorientale, dopo l’abbattimento del jet russo al confine siriano. 

“Noi occidentali siamo proprio fortunati! Sappiamo che la Russia è l’impero del male e che, quindi, nulla dalla Russia può venire che non sia menzogna. Pensate che disastro, se non fosse così.

Se non fosse così, dovremmo pensare che la Turchia, un Paese a cui l’Unione Europea, per mano della signora Mogherini (appunto Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, dicesi sicurezza!) vorrebbe consegnare 3 miliardi per controllare i confini e impedire che i profughi siriani si riversino verso l’Europa, usa uno dei suoi confini, quello con la Siria, per fare affari con i jihadisti che mettono a ferro e fuoco la Siria, producendo appunto quei profughi.

Un bellissimo sistema, quello turco, per guadagnare tre volte su un’unica tragedia: comprando petrolio e opere d’arte dall’Isis; vendendo all’Isis armi e altre attrezzature e facendo passare i foreign fighters che vanno a rinforzare le sue file; infine, obbligandoci a versare milioni se non vogliamo veder arrivare i profughi.

(…) per fortuna l’ha detto l’impero del male e noi sappiamo che son tutte frottole. Il che ci tranquillizza a cascata. Perché se la Turchia è amica dell’Isis, che cosa sono gli amici della Turchia? Barack Obama, per esempio. Il superdemocratico Nobel per la Pace che, quando la Turchia abbatte un aereo russo dice “la Turchia ha diritto a difendere i suoi confini” come se la Turchia fosse stata attaccata, e quando i russi mostrano le foto dei traffici al confine ribatte “la Turchia non c’entra”?

Se non sapessimo che l’impero del male mente sempre, potremmo persino pensare che è Obama a mentire. E’ Obama che spalleggia gli amici dei terroristi. E’ Obama che finge di combattere l’Isis, lasciandogli invece aperte tutte le porte di rifornimento: quelle della Turchia, certo, ma anche quelle del Golfo Persico, le cui monarchie continuano imperterrite a distribuire quattrini e armi ai jihadisti. (…)”.