Sindacalisti, scandalo rimborsi e vitalizi d’oro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 agosto 2015 10:08 | Ultimo aggiornamento: 13 agosto 2015 10:08
Sindacalisti, scandalo rimborsi e vitalizi d'oro

Sindacalisti, scandalo rimborsi e vitalizi d’oro

ROMA – Sindacalisti, rimborsi spese inesistenti e trucchetti per aumentare il proprio vitalizio. Maurizio Belpietro, direttore di Libero, se la prende con una categoria precisa, indicandola come fonte di sprechi. Nell’editoriale del 13 agosto, Belpietro cita due inchieste diverse che fece quando dirigeva Il Giornale.

Questa è la parte relativa ai rimborsi: “E a tutt’oggi non ci sono bilanci certificati, né revisori dei conti indipendenti, tanto meno si rende pubblico a fine anno il resoconto delle attività. Così, chi vuole mettere le mani nella cassa lo può fare indisturbato. Il problema non sono gli stipendi, che pure in qualche caso sono al di sopra della media e al di fuori di qualsiasi principio di equità, per lo meno verso gli iscritti. Il problema sono i rimborsi. Soldi che non entrano in busta paga, ma che vengono liquidati pronta cassa, senza lasciare traccia. Rimborsi benzina, rimborsi per missioni, rimborsi per il vitto. Un fiume di denaro su cui non esiste controllo, se non quello misterioso e privo di trasparenza di chi il sindacato lo guida”.

Questa è invece la parte relativa ai vitalizi: “prendiamo il caso di Sergio Cofferati, uno che nel sindacato ha fatto carriera. All’inizio l’ex segretario era un semplice impiegato della Pirelli e quando fu chiamato a svolgere a tempo pieno il mestiere di sindacalista non si dimise dall’azienda di pneumatici per passare a quella sindacale: semplicemente fu distaccato. Ciò significa che la Cgil gli versava lo stipendio, ma che la Bicocca rimaneva il suo vero datore di lavoro.

E lo stipendio pagato dal sindacato era sprovvisto di contributi previdenziali, perché a quelli provvedeva l’Inps, con i cosiddetti contributi figurativi, ossia contributi finti, non pagati, che però danno luogo a una pensione vera. Una furbata che costa all’ente previdenziale una svariata quantità di milioni e fa risparmiare alle casse di Cgil, Cisl e Uil altrettanti soldi. Ma il trucco evidentemente ai sindacalisti non bastava, perché in tal modo, cioè con i contributi figurativi,a fine carriera ottenevano una pensione al minimo, perché calcolata sullo stipendio base. Così si inventarono la scappatoia.

Mentre nel 1996 concordavano con il governo una riforma previdenziale che mandava tutti i lavoratori in pensione più tardi e con un assegno più magro, per loro si costituirono una via d’uscita che consentiva di aumentare il vitalizio. In pratica, versando – a spese del sindacato – un po’ di soldi in più negli ultimi anni di attività riuscirono ad ottenere al momento del ritiro dal lavoro una pensione più ricca. Un giochetto che sfruttò le maglie del sistema retributivo,proprio quello che i sindacalisti avevano concordato di abolire, seppur gradualmente, per tutti gli altri lavoratori”.