Sondaggio Lorien consulting: più fiducia nel governo Renzi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Marzo 2015 13:47 | Ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2015 13:47
Più fiducia nel governo Renzi Il 45% dei leghisti favorevole all'intervento in Libia

Matteo Renzi (LaPresse)

ROMA – L’indice di fiducia di Matteo Renzi segna dei passi in avanti (al 46%). Non è ancora tornato sopra l’asticella del 50% (dato abbandonato nell’ottobre dello scorso anno), tuttavia dopo il crollo dei mesi precedenti costituisce un’importante novità. Tanto più che il dato emerge dall’ultima rilevazione di Lorien consulting, in esclusiva per ItaliaOggi, che pure evidenzia in tutta la sua portata il successo di Matteo Salvini dopo la manifestazione anti-governativa di Roma. La Lega Nord è giunto ad essere il terzo partito con il 15% delle intenzioni di voto. Ciò significa che in coalizione con Fratelli d’Italia (2,5%).

Scrive Franco Adriano su Italia Oggi,

Salvini ha raggiunto Beppe Grillo dal secondo posto (M5S è al 17,5%). Di qui si spiega l’apertura trattativista del leader genovese sulla riforma Rai e sul reddito di cittadinanza che potrebbe fargli capitalizzare consensi. Il Pd è al 39%. Forza Italia è precipitata al 12,5%. Sel e Ncd sono al 4%.

Inoltre il 77% degli italiani ha sentito parlare della manifestazione di Roma del leader del Carroccio e il 23% ne dà comunque un giudizio positivo. Una realtà con cui tutti i partiti ora devono fare i conti. Per ora la grande maggioranza degli italiani dimostra di non essere disposta a seguire la nuova destra italiana in ogni avventura. Per esempio, sebbene il 90% degli italiani sia preoccupato per l’approssimarsi dell’Isis, il 54% è contrario ad un intervento armato in Libia per scongiurare l’avvento degli estremisti islamici alla porta di casa. Va notato che se il 45% degli elettori della Lega è per l’intervento militare, solo il 30% di quelli dell’Ncd, il 28% del Pd, il 21% di M5s, il 19% di FI, il 15% di Sel predilige le armi alla diplomazia.