Trevignano: vietato fare il bagno dalle 12:30 alle 14:30

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 agosto 2015 14:12 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2015 14:12
Trevignano: vietato fare il bagno dalle 12:30 alle 14:30

Trevignano

TREVIGNANO (ROMA) – A Trevignano bagni vietati all’ora di pranzo. Ancora non sono stati affissi in spiaggia i cartelli con gli orari e quindi ecco anche i primi battibecchi tra i turisti e chi deve far rispettare le regole. L’ordinanza del sindaco proibisce infatti in alcuni tratti del lago di tuffarsi dalle 12:30 alle 14:30 perché non c’è sorveglianza. “Dovete uscire!”. Il bagnino fischia e indica con la mano la spiaggia. “Proprio, adesso? E perché?”, chi sta a mollo fatica a capire la ragione dell’ordine. Eppure, non ci si può fare il bagno in alcune zone del lago di Bracciano dalle 12:30 fino alle 14:30. Gli assistenti ai bagnanti provano a citare l’ordinanza del Comune ma è difficile spiegare e convincere. La notizia viene riportata da Ugo Baldi e Maria Lombardi per il Messaggero. che spiegano.

Il territorio di Trevignano che si affaccia sul lago è stato diviso in tre zone, ognuna ha una diversa disciplina. La zona numero 1 va da via di Pratolungo a via Asinelli, su queste sponde si concentrano i sei stabilimenti. Qui i bagni sono consentiti dalle 8,30 alle 19,30 ed è ovviamente obbligatoria la presenza dei baywatch, come lo era già negli anni scorsi. Sempre proibito immergersi nella zona numero 2 che va da via degli asinelli fino a Montecchio-Poggio delle Ginestre. La zona numero 3 è quella dei circoli velici, una quindicina, e dei tuffi ad orario. «Lungo questo tratto di lago fino all’anno scorso l’assistenza ai bagnanti non era obbligatoria ed è importante che l’ordinanza la imponga», spiega Matteo Mazzarini dell’Associazione attività turistiche di Trevignano. «L’applicazione delle nuove norme ne ha però messo in evidenza gli errori. C’è effettivamente una limitazione della libertà delle persone. Abbiamo già chiesto al sindaco di ridiscutere della questione a settembre».

I divieti al momento sono solo a parole, nessun cartello con l’indicazione delle ore in cui è possibile fare i bagni è stato affisso. E valgono solo per Trevignano. Basta spostarsi sulle rive del lago che ricadano nei territori di Anguillara e Bracciano che c’è libertà di tuffi. «Va benissimo l’ordinanza per quel che riguarda gli aspetti legati al decoro e alla sicurezza. Sono invece ridicoli i limiti orari», Luca Galloni, capogruppo della Lista Civica, è polemico. «È vietato immergersi in acqua dalle 18,30 in poi, l’ora preferita da tantissimi per fare un bagno al lago. Sarebbero bastato segnalare l’assenza di sorveglianza da quel momento in poi. Chi sceglie comunque di bagnarsi lo farebbe a proprio rischio e pericolo». Tanti altri i divieti imposti dal Comune di Trevignano. Niente giochi in spiaggia e biciclette, animali alla larga dalle rive, anche quelli con la museruola. Proibita la musica ad alto volume e pure la pubblicità con gli altoparlanti.