Virginio Merola, arriva il conto. Corte dei Conti chiede 46mila euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 febbraio 2014 12:11 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2014 12:11
Virginio Merola

Virginio Merola

ROMA – A Virginio Merola, sindaco di Bologna, arriva il conto, la Corte dei Conti chiede 46mila euro.

Scrive il Giornale:

La leggerezza del sindaco di Bologna Virginio Me­rola (Pd) sull’assunzione del suo capo di gabinetto senza laurea è «inescusabile». Lo dice la procura del­la Corte dei conti dell’Emilia Romagna, che a quanto pare non ha gradito per nulla l’incarico affidato a Mar­co Lombardelli, uomo di partito,dopo l’insediamen­to della giunta Merola nel 2011. Se Lombardelli si di­mise già nel dicembre dello stesso anno dopo la bufe­ra scoppiata sul suo curriculum, i magistrati contabi­li hanno citato a giudizio per danni Merola, 10 suoi as­sessori e due dirigenti del Comune criticando la scel­ta di aver assunto l’ex capo di gabinetto con troppa leggerezza: il risarcimento chiesto è di 46mila euro. Secondo la Corte, la laurea per tale incarico resta ne­cessaria perché il capo di gabinetto ha «rilevanti fun­zioni, svolte in autonomia». Lombardelli, però, vanta solo un’abilitazione alla professione di ottico.Metto­no nero su bianco i magistrati contabili: «Il primo cit­tadino ben poteva e doveva sapere che (…) fosse ne­cessario il requisito del diploma di laurea».LuDon

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other