Wired: Corriere.it gonfia i clic col “cashback” (clicca e vinci premio) Blurum

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 ottobre 2014 16:12 | Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2014 16:12
Wired: Corriere.it gonfia i clic col "cashback" (clicca e vinci premio) Blurum

Wired: Corriere.it gonfia i clic col “cashback” (clicca e vinci premio) Blurum

ROMA – Wired: il Corriere.it “gonfia” i clic col sistema del “cashback” (clicca e vincerai un premio) usati dalla piattaforma Blurum. Un sistema del tutto legittimo, ma non è il massimo per gli investitori pubblicitari, che collocano le loro inserzioni sulle grandi testate web aspettandosi che i “banner” (i riquadri o rettangoli contenenti pubblicità) vengano visualizzati da un certo tipo di utenti: quelli che cercano in Rete l’informazione giornalistica.

Un problema che si era già posto più o meno negli stessi termini e con gli stessi protagonisti a giugno scorso con le campagne “site under” (siti di news che inglobano motori di ricerca casa, lavoro, cinema…)

Come funziona un “cashback”? È una sorta di motore di ricerca nel quale l’utente si deve registrare. A ogni clic ottiene punti, e una volta raggiunto un tot di punteggio ha diritto a un premio (telefonini, buoni acquisto, etc). Un sistema che porta traffico ai siti presenti sulla piattaforma Blurum e consente alla piattaforma di tracciare un profilo dei gusti e degli interessi degli utenti, informazioni che, scrive il Fatto Quotidiano, “valgono oro per gli utenti pubblicitari”. Spiega Gianluca De Martino su Wired:

“È proprio attorno a una di queste piattaforme, Blurum, che nelle ultime settimane si sta consumando una vicenda che vede protagonisti i due principali siti di informazione in Italia: Corriere.it e Repubblica.it.

Il primo conferma una “partnership che prevede una serie di iniziative strategiche per incrementare i ricavi nell’advertising digitale e per sviluppare nuovi modelli di business attraverso l’utilizzo delle tecniche più evolute di marketing relazionale”, insomma di avere un rapporto commerciale con la piattaforma.

La seconda, coinvolta da ieri a sua insaputa nel gioco dei clic, risponde con una diffida legale a Blurum.

[…] Nel 2013, dati Audiweb alla mano, il sito Blurum.it ha collezionato mediamente 250mila utenti unici al giorno. Ma è ancora più impressionante il numero di pagine viste generato dal meccanismo a premi che, per dare un’idea, durante l’estate scorsa ha totalizzato una media – da giugno ad agosto – di 95 milioni di impression al mese (fonte: Audiweb), tante quante un sito come TgCom. Le sezioni Notizie e quella dei Link Consigliati sono quasi monopolizzate dal Corriere della Sera. Come si vede nel video qui sopra si arriva al sito del Corriere cliccando sulle icone di Cronache, Economia, Politica, Esteri, Cultura, Spettacoli, Sport, Tecnologia, Casa, Cucina, Salute, Animali e Viaggi. Quando si sceglie “Donna” si raggiunge direttamente il sito di IoDonna (inserto femminile del Corriere della Sera), mentre la “Lettura” è la porta d’accesso per SoloLibri.net, la “Musica” per il sito di Mtv.

Tra le altre news anche quelle relative a “Giardinaggio” (Giardinaggio.it) e “Scuola” (Scuolazoo).  I “Link Consigliati” valgono oltre venti punti. In questo caso quasi tutte le icone visitate nel video conducono alle pagine del Corriere della Sera. Si incassano 15 punti per accedere alla homepage del quotidiano, altri 15 per visualizzare il video del borseggiatore che rapina un poliziotto (su Corriere.tv). Quasi tutte le 14 icone della sezione Link Consigliati portano a pagine del Corriere o di siti a esso collegati, come TrovoCasa e Lavoro.

Blurum è gestito da una Società a responsabilità limitata con sede a Milano, il cui amministratore unico è Mauro Nanni, manager con un passato alla Sip e poi a Telecom Italia. La pubblicità tabellare  sul sito (i banner, per capirci) è affidata a Manzoni, la concessionaria pubblicitaria del gruppo L’Espresso che ha spiegato a Wired che il contratto terminerà a fine ottobre 2014″.