Salute

Alluminio dannoso per i cibi? Sì, no, a quale temperatura

alluminio-alimenti

Fa male l’alluminio, intossica i cibi? No, se segui poche semplici precauzioni

ROMA – Alluminio dannoso per i cibi? Sì, no, a quale temperatura. L’alluminio, materiale ormai divenuto indispensabile nelle nostre dispense per la conservazione e la cottura degli alimenti, è sicuro, cioè non fa male alla salute? Le ultime ricerche e sperimentazioni ci dicono che in alcuni casi, pochi e circoscritti, l’alluminio può intossicare i cibi, dal punto di vista chimico gli ioni metallici possono migrare sugli alimenti contaminandoli.

Tuttavia, dicono sempre gli esperti, basta osservare poche semplici precauzioni per evitare spiacevoli conseguenze. Di seguito una piccola guida per il corretto uso dell’alluminio.

Contenitori. Vanno usati solo quelli con la dicitura “per alimenti”, quelli con una pellicola di plastica protettiva all’interno. Non vanno usati per conservare cibi molto acidi o molti salati, come quelli conditi con aceto, succo di limone, o sotto sale.

Temperatura. A temperatura ambiente possono essere conservati nell’alluminio anche per tempi lunghi il caffè, le spezie, lo zucchero, i cereali, la pasta, il pane, i legumi, la frutta secca e gli ortaggi essiccati. Tutti gli altri cibi oltre le 24 ore vanno conservati in frigorifero o in freezer. Se un cibo è stato appena cotto, è meglio non coprire il contenitore con un foglio di alluminio: nei liquidi caldi il metallo può sciogliersi, provocando una condensa “alluminizzata” che finisce per ricadere sugli alimenti.

To Top