Alzheimer può partire dalle gengive. Ma una molecola può fermare i batteri che lo causano

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 aprile 2019 15:24 | Ultimo aggiornamento: 12 aprile 2019 15:24
Alzheimer può partire dalle gengive. Ma una molecola può fermare i batteri che lo causano

Alzheimer può partire dalle gengive. Ma una molecola può fermare i batteri che lo causano (Foto Ansa)

LOUISVILLE – L’Alzheimer può partire dalla bocca. Ma una molecola può bloccare il viaggio dei batteri che lo causano fino al cervello. E’ la conclusione a cui sono arrivati i ricercatori della University of Louisville School of Dentistry (Stati Uniti) guidati da Jan Potempa. 

Gli studiosi americani hanno evidenziato come i  batteri presenti nella bocca possano viaggiare nel corpo e arrivare al cervello, producendo tossine legate alla malattia di Alzheimer. Ma piccole molecole in via di sperimentazione riescono a ridurne la presenza, contribuendo a preservare le capacità cognitive.

Nel mirino dei ricercatori il batterio Porphyromonas gingivalis, coinvolto nella parodontite, infiammazione grave e cronica delle gengive. In alcuni precedenti studi era stato già trovato in campioni di cervello di malati di Alzheimer, senza tuttavia che venisse identificata una relazione di causa-effetto.

“Questo batterio – spiega Mario Aimetti, presidente della Società italiana di parodontologia e implantologia (SidP) – inizia a infiltrarsi nelle gengive durante l’adolescenza e circa il 20% dei giovani adulti ne presenta bassi livelli in bocca. Non è dannoso in tutte le persone, ma se cresce in modo incontrollato può portare il sistema immunitario a scatenare infiammazioni, causando rossore, gonfiore, sanguinamento ed erosione del tessuto gengivale”.

Uno studio pubblicato di recente su Science Advanced, ha spiegato Potempa, membro del team multinazionale di ricercatori che lo ha condotto, ha confrontato il tessuto cerebrale di 100 individui con e senza Alzheimer e “ha osservato che P. gingivalis era più comune nei campioni prelevati dai malati di Alzheimer, come evidenziato dall’impronta del DNA del batterio e dalla presenza delle sue tossine chiave, note come gingipain”.

Negli studi sui topi, “si è visto che il batterio può infiltrarsi nelle microlesioni della bocca, spostarsi attraverso il sangue e arrivare al cervello”, dove la sua presenza è associata a un aumento della produzione di beta-amiloide. Tuttavia, prosegue Potempa, “questa migrazione può essere bloccata da farmaci che prendono di mira le tossine gingipain”: molecole in fase uno di sperimentazione, infatti, sono state somministrate ai topi, riducendone la presenza del batterio nel cervello.

“Negli ultimi anni stiamo avendo conferme scientifiche del collegamento tra la salute della bocca e patologie come diabete, malattie cardiovascolari e artrite reumatoide. Un settore interessante di ricerca si sta sviluppando per indagare il collegamento con le demenze”, precisa Aimetti, professore di Parodontologia presso l’Università degli Studi di Torino. “Le nuove scoperte sottolineano l’importanza di una buona igiene orale, utile a prevenire la crescita incontrollata di questo batterio e la sua migrazione, con le possibili conseguenze collegate”. (Fonte: Ansa)