Bimbo con allergia grave salvato con il lavaggio del sangue

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2015 12:38 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2015 12:38
Bimbo con allergia grave salvato con il lavaggio del sangue

Bimbo con allergia grave salvato con il lavaggio del sangue

ROMA – Potrà avere una vita più normale grazie ad una tecnica nuova, il lavaggio del sangue. Tutto grazie ad una operazione eseguita per la prima volta al mondo. Un bambino di 7 anni è stato salvato da una grave allergia utilizzando per la prima volta al mondo il ”lavaggio del sangue” dagli anticorpi responsabili del suo stato stato per il quale i farmaci non erano più efficaci. E’ avvenuto all’ospedale Bambino Gesù di Roma e l’articolo è stato pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics.

Michele era affetto da una gravissima forma di allergia alimentare (latte, uova, pesce, frutta) con asma, che gli aveva provocato diverse crisi. Con questo trattamento si apre cosi’ una nuova strada di cura delle allergie più gravi. Il trattamento non è una cura definitiva ma ha permesso per la prima volta di abbassare in modo importante il livello della malattia tenendola sotto controllo e migliorando la qualità di vita del piccolo che ora sta bene.

Spiega Repubblica:

Una novità che avrà importanti ricadute sociali. L’allergia alimentare colpisce mediamente l’1,5% della popolazione generale, con una spiccata prevalenza nei primi anni di vita: si manifesta nel 2-3% dei bambini entro i primi 24 mesi di vita, mentre tende a diminuire con l’età. In Italia si stima che oltre 250.000 bambini e ragazzi sotto i 18 anni abbiano una allergia a qualche alimento. “Questa procedura apre nuove strade alla cura delle allergie ed è indicata per i bambini affetti da tutte le forme più gravi della malattia allergica, anafilassi, dermatite atopica e asma grave che non possono assumere il farmaco specifico” sottolinea Alessandro Fiocchi, responsabile di Allergologia del Bambino Gesù.