Cancro, in Italia sette over 70 su dieci lo scoprono solo quando è in fase avanzata

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 novembre 2018 15:58 | Ultimo aggiornamento: 16 novembre 2018 15:58
cancro italia

Cancro, in Italia sette over 70 su dieci lo scoprono solo quando è in fase avanzata

ROMA – In Italia, sette over 70 su dieci scoprono di avere un cancro solo quando è in fase avanzata e le terapie sono meno efficaci, e questo nonostante nel nostro Paese ogni giorno più di 510 nuove casi di cancro riguardino proprio gli over 70. A sottolinearlo sono gli oncologi dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) che, in occasione del XX congresso nazionale, hanno presentato il primo progetto dedicato alla prevenzione e alla cura del cancro negli anziani ‘Cancro, la prevenzione non si ferma dopo i 65 anni’, già presentato lo scorso settembre in Vaticano.

Il Servizio Sanitario Nazionale, ricordano gli oncologi, fornisce gratuitamente tre programmi di screening: per il tumore del seno (mammografia ogni due anni per le donne tra i 50 e i 69 anni), della cervice uterina (Pap test ogni tre anni per le donne tra i 25 e i 64 anni; in sei Regioni – Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria e Basilicata è stato adottato il test HPV ogni 5 anni) e del colon-retto (ogni due anni per uomini e donne tra i 50 e i 69 anni).

Ma gli screening andrebbero estesi almeno fino a 74 anni, affermano gli esperti, e va aumentata l’informazione tra gli anziani. Da qui il progetto presentato, che prevede che gli oncologi entrino nei centri anziani per sensibilizzare non solo sugli screening ma anche sugli stili di vita corretti. Sono previsti nei centri anziani anche corsi di cucina per insegnare le regole della corretta alimentazione e lezioni di danza per favorire l’attività fisica, con la distribuzione di opuscoli informativi. Ogni anno in Italia più di 186.500 casi di tumore vengono diagnosticati negli over 70 (oltre la metà del totale delle diagnosi).

Le cinque neoplasie più frequenti negli uomini che hanno superato questa soglia sono quelle della prostata (19%), polmone (17%), colon-retto (14%), vescica (12%) e stomaco (5%). Nelle donne, al primo posto si trova il carcinoma della mammella (22%), seguito dal colon-retto (16%), polmone (8%), pancreas (6%) e stomaco (5%).