Cancro ai polmoni, pillole per la pressione possono aumentare il rischio?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 ottobre 2018 17:51 | Ultimo aggiornamento: 28 ottobre 2018 17:51
cancro pillole pressione

Cancro ai polmoni, pillole per la pressione possono aumentare il rischio?

ROMA – Le pillole per la pressione del sangue prese da milioni di persone in tutto il mondo potrebbero aumentare il rischio di cancro ai polmoni. A stabilirlo è uno studio condotto dai ricercatori della McGill University di Montreal, in Quebec, in Canada, che hanno chiesto la possibilità di “ulteriori studi, con follow-up a lungo termine, per studiare gli effetti di questi farmaci sull’incidenza del cancro del polmone”.

Lo studio, riportato dal Daily Mail, ha dimostrato che i pazienti con ACE-inibitori hanno il 14% in più di probabilità di sviluppare il cancro rispetto a quelli di altri tipi di farmaci. Il rischio aumenta con la somministrazione più intensa del farmaco. Quelli che lo hanno preso per cinque anni hanno il 22 per cento in più di probabilità di ottenere un cancro ai polmoni fino al 31 per cento su dieci anni.

Gli scienziati ritengono che i farmaci causino l’accumulo di sostanze chimiche chiamate bradichinina sul polmone, che a loro volta portano al cancro. Ma altri esperti hanno messo in dubbio i risultati e hanno sottolineato che il cancro ai polmoni potrebbe essere causato semplicemente dal fumo dei pazienti nello stesso momento in cui assumono i farmaci.

Si stima che 103 milioni di adulti negli Stati Uniti, che è quasi la metà della popolazione adulta, hanno la pressione alta, secondo le statistiche di quest’anno dall’American Heart Association.  

Lo studio, pubblicato nel BMJ, ha esaminato 992.000 adulti che sono stati prescritti farmaci per la pressione del sangue nel Regno Unito tra il 1995 e il 2015.

I pazienti stavano assumendo uno dei due tipi di pillole o ACE-inibitori o bloccanti del recettore dell’angiotensina, che funzionano in modo diverso.

Rispetto ai pazienti sui bloccanti dei recettori dell’angiotensina, quelli sugli ACE-inibitori erano il 14% più probabilità di essere diagnosticati con cancro ai polmoni per un periodo di sei anni.

I ricercatori hanno aggiunto: “Dato il potenziale impatto dei nostri risultati, devono essere replicati in altri contesti, in particolare tra i pazienti esposti per periodi più lunghi”.

Ma il professor Stephen Evans, un esperto sugli effetti della droga presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha affermato che è improbabile che i farmaci causino il cancro ai polmoni. “Trarre conclusioni importanti e parlare dell’impatto sulla salute pubblica in questa situazione  – ha concluso – sembra prematuro”.