Cancro uccide più di malattie cardiache nei Paesi ricchi: invertita la tendenza

di Caterina Galloni
Pubblicato il 4 Settembre 2019 6:05 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2019 19:24
Cancro uccide più di malattie cardiache nei Paesi ricchi: invertita la tendenza

Cancro uccide più di malattie cardiache nei Paesi ricchi: invertita la tendenza (Foto d’archivio Ansa)

ROMA – Nelle nazioni ricche del mondo il cancro uccide più delle malattie cardiache: è quanto emerge da una ricerca della British Heart Foundation. Le malattie cardiache per decenni sono state la principale causa di morte ma poiché nei paesi ricchi la sanità pubblica è migliorata, il cancro sta iniziando a prendere il sopravvento.

Lo studio, condotto su 160.000 persone in 21 Paesi ricchi, ha riscontrato il doppio delle morti causate dal cancro rispetto alle malattie cardiache e stimato che nelle nazioni a medio e alto reddito è presente tra un quarto e un terzo delle morti causate dal cancro, in alcuni paesi è alla pari con le malattie cardiache.

Secondo i ricercatori è “probabile” che nel mondo, in futuro, il cancro diventi la prima causa di morte mentre altri paesi si impegneranno per ridurre le malattie cardiache. Una ricerca della McMaster University in Ontario, Canada, ha esaminato i dati sanitari per circa 10 anni di 163.000 persone di età compresa tra 35 e 70 anni, di 21 nazioni di cinque continenti. Nel corso dello studio, lo 0,6% dei decessi nei paesi ad alto reddito sono stati causati da malattie cardiache, mentre l’1,6% dal cancro.

Nei paesi a basso reddito le malattie cardiache si sono rivelate più mortali: il 3,7% di decessi rispetto all’1,3% per cancro; nei paesi a medio reddito, la differenza era inferiore: 1,4% per il cancro e 1,8% per malattie cardiache. Gli scienziati hanno di conseguenza adeguato i risultati per calcolare il numero di decessi previsti in un anno e stimato per i paesi ad alto reddito, una media del 23% a causa del cancro. Nei paesi poveri le malattie cardiache hanno causato il maggior numero di decessi (41%), rispetto a quelli ad alto reddito (23%).

L’elevata mortalità nei paesi più poveri probabilmente è dovuta a vari fattori tra cui una qualità di vita inferiore e minore assistenza sanitaria. Secondo gli esperti, il cancro potrebbe rappresentare un problema per i paesi più ricchi a causa delle differenze negli stili di vita.

Kate Oldridge-Turner, responsabile del settore politica del World Cancer Research Fund, ha dichiarato: “Che il cancro sia la principale causa di morte nei paesi ad alto reddito non sorprende in quanto molti fattori di rischio, come la dieta errata e la mancanza di attività fisica, sono collegati allo sviluppo economico”.

“Sappiamo che il sovrappeso o l’obesità sono una delle cause di almeno 12 diversi tipi di cancro e che i tassi di obesità stanno aumentando a livello mondiale. Ma attualmente sappiamo cosa si può fare per ridurre l’obesità e, dunque, prevenire molti tumori”.

“I governi devono agire e attuare delle politiche mirate a rendere il cibo sano più economico e disponibile, creare un ambiente in cui le persone possano fare scelte sane”, ha spiegato Oldridge-Turner.

Nei paesi poveri, ha osservato il prof. Salim Yusuf, le malattie cardiache “sono più mortali poiché i pazienti non hanno accesso a interventi chirurgici al cuore o a farmaci come le statine o a antipertensivi.

Nello studio, pubblicato sulla rivista Lancet, i paesi ad alto reddito erano Canada, Arabia Saudita, Svezia e Emirati Arabi Uniti: a medio reddito: Argentina, Brasile, Cile, Cina, Colombia, Iran, Malesia, Palestina, Filippine, Polonia, Turchia e Sudafrica; a basso reddito: Bangladesh, India, Pakistan, Tanzania e Zimbabwe.

Fonte: Daily Mail