I cani sentinella “a caccia” del tumore alla prostata

Pubblicato il 20 settembre 2012 16:28 | Ultimo aggiornamento: 20 settembre 2012 19:52

GENOVA – Cani addestrati a “sentire” nelle urine degli esseri umani la presenza di cellule tumorali nella prostata. L’addestramento dei due cani, un pastore tedesco e un pastore belga, fa parte di un progetto italiano presentato al  19° Congresso nazionale degli urologi, in corso a Genova fino a sabato 22 settembre.

Ad eseguire lo studio sono Gianluigi Taverna, dell’Istituto clinico Humanitas, e il Tenente Colonnello Lorenzo Tidu, del Centro militare veterinario dell’Esercito. Il progetto, patrocinato dallo Stato Maggiore della Difesa, è partito in questi giorni e dovrebbe concludersi entro tre anni.

I ricercatori che stanno addestrando i cani “sentinella” vogliono individuare la molecola che fa reagire gli animali per poi poter ricreare in laboratorio dei nasi artificiali per riconoscere la presenza di tumori.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other