Capelli, permanenti e tinture: poco danno se brevi, tanto danno se lunghe

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 dicembre 2016 14:50 | Ultimo aggiornamento: 7 dicembre 2016 14:54
Capelli, permanenti e tinture: poco danno se brevi, tanto danno se lunghe

Capelli, permanenti e tinture: poco danno se brevi, tanto danno se lunghe (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Capelli umani, hanno tre strati e permanenti, tinte e tinture se ne mangiano uno. Se lo mangiano poco e in misura tutto sommato accettabile se sono temporanee, molto temporanee, anzi brevi. Se dura poco la tintura o il trattamento, il danno è minimo. E contenuta resta l’usura del capello se si sconfina nel semi-permanente, quello insomma che regge per sei/otto lavaggi.

Se invece si applicano trattamenti e colorazioni appunto permanenti di nome e di fatto, allora i capelli soffrono, soffrono e tanto. Quindi piccoli consigli in piccola sequenza.

1) Applicare trattamenti e tinte semi permanenti quando si hanno in testa relativamente pochi capelli bianchi.

2) Se i capelli bianchi sono tanti e si va su trattamenti e tinte permanenti, allora evitare di cambiare spesso colore e evitare di passare dai colori scuri a quelli chiari. In entrambi i casi fate del male e non poco alla vostra capigliatura.

3) Se di capelli bianchi non ne avete neanche uno e volete solo giocare di estetica con ciò che orna la vostra testa, andate su trattamenti e tinte leggeri.

4) Non lasciatevi spaventare dagli allarmismi per cui anche uno shampoo di troppo è “cancerogeno”.

5) Ricordatevi che anche qui il risparmio non è mai guadagno: chi vi propone trattamenti a bassissimo costo non vi sta proponendo un affare.

6) Non sentitevi pioniere (o pionieri) quando fate make up ai capelli. Le egiziane applicavano hennè e con unguenti e oli cambiavano colore, le donne greche si mettevano in testa gli stessi materiali con cui si colorava la lana, le romane si facevano bionde o rosse… (come racconta Angela Nanni su La Stampa). Quindi lavorare di estetica sui capelli è tradizione e pratica millenaria, state dunque serene (sereni) anche se vi viene uno…sfizio colorato.