Coronavirus, ecco come capire la differenza tra la variante inglese e un comune raffreddore

di Caterina Galloni
Pubblicato il 10 Gennaio 2021 17:00 | Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio 2021 16:28
Tre varianti 'super Covid' in meno di 24 ore, lo studio scienziati statunitensi

Regioni zona bianca, dove tutto potrebbe riaprire: come funziona e quali sono i parametri (foto Ansa)

Come individuare la differenza tra la variante inglese Covid, l’influenza e un comune raffreddore?

Il Regno Unito è investito da un picco di contagi della variante del coronavirus e i tassi d’infezione sono in aumento. Ma nei mesi invernali, nonostante a causa del lockdown si trascorra più tempo in casa, alcuni potrebbero avere i sintomi del raffreddore o dell’influenza.

Alcuni sintomi del coronavirus, scrive il Sun, sono simili a un raffreddore e un’influenza, con tosse e febbre alta.

I tre principali sintomi del coronavirus sono una tosse persistente, febbre alta e perdita di gusto e olfatto. Chiunque abbia questi sintomi dovrebbe sottoporsi al tampone e isolarsi immediatamente per evitare di diffondere il virus. Gli esperti sostengono che i sintomi della nuova variante non sono diversi da quella esistente. Tuttavia molte persone che contraggono il coronavirus non hanno alcun sintomo e alcune soffrono di altri disturbi.

Coronavirus, le differenze tra la variante inglese e un comune raffreddore

Belinda Griffiths della Fleet Street Clinic di Londra ha spiegato la differenza tra un comune raffreddore e il Covid-19. RAFFREDDORE Griffiths spiega che i sintomi di un comune raffreddore includono starnuti, naso che cola e mal di gola. Nella maggior parte dei casi di raffreddore non c’è febbre alta ma se dovesse presentarsi, visto che è uno dei sintomi chiave del Covid, è bene prestare attenzione.

“Brividi e dolori muscolari si verificano raramente nel comune raffreddore, ma potrebbero presentarsi. “Con un comune raffreddore di solito c’è un miglioramento in meno di una settimana ma può variare”.

Coronavirus e la nuova variante inglese

Secondo le linee guida i tre sintomi chiave del coronavirus da tenere d’occhio sono una tosse persistente, febbre alta, perdita del gusto e/o dell’olfatto.

Sebbene questi siano i tre sintomi principali, vari studi hanno scoperto che alcune persone positive possono avere mal di testa e affaticamento. In precedenza si era affermato che i positivi alla nuova variante inglese non avevano sintomi diversi rispetto alle varianti esistenti.

Ma esperti del governo britannico hanno scoperto che è tra il 50 e il 70% più trasmissibile. Griffiths ha affermato che quando si tratta di Covid-19, la differenza tra i sintomi da quelli di un comune raffreddore sarà d’aiuto a sapere quali misure e precauzioni adottare.

“I sintomi includono la perdita dell’olfatto e del gusto, una temperatura persistente superiore a 37,8° C, malessere generale e affaticamento, a volte dolori muscolari e mal di testa. “Uno dei segni più comuni di Covid-19 è una tosse persistente. “Se tossendo si nota del muco colorato o si ha difficoltà a respirare, è il caso di sottoporsi a un controllo medico soprattutto se il paziente soffre di asma o broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)”. (Fonte: Sun)