Coronavirus, come compaiono i sintomi e quando dobbiamo davvero preoccuparci

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Novembre 2020 16:05 | Ultimo aggiornamento: 17 Novembre 2020 16:05
covid sintomi comparsa

Covid, come compaiono i sintomi e quando dobbiamo davvero preoccuparci (foto ANSA)

Mal di gola, spossatezza, febbre. Non sempre sono indicativi e sono sintomi che ci dicono che abbiamo contratto il Coronavirus. 

I sintomi che indicano che abbiamo contratto il Coronavirus li spiega il virologo Giovanni di Perri. A volte infatti si fa confusione, ma ce ne sono di chiari. Il tutto inizia con la febbre, il mal di gola, la perdita dell’olfatto e del gusto, e la tosse. Poi si aggiungono, dissenteria, stato di spossatezza e un dolore alle ossa che non da tregua.
 
Se si è asintomatico non si provano gli stessi sintomi. Molte volte può essere una semplice influenza e invece, viene scambiata per il Coronavirus. Bisognerà chiamare il 118 spiegare i sintomi che sono comparsi. Questo tipo di sintomatologia in diversi casi si mostra con disturbi lievi, ma bisogna monitorare attentamente i propri sintomi. Inoltre è fondamentale restare chiusi in casa ed evitare ogni tipo di contatto.

Se si manifesta la febbre e c’è anche un rialzo febbrile, in quel caso bisogna subito chiamare il medico di base o i numeri che sono stati messi a disposizione per l’emergenza Covid. A quel punto il personale addetto dovrà effettuare il tampone a domicilio per capire se i sintomi hanno origine influenzale o se sono causati dal coronavirus.

Sintomi Covid più comuni

  • febbre
    tosse secca
    spossatezza
    perdita del gusto o dell’olfatto

Sintomi meno comuni

  • indolenzimento e dolori muscolari
    mal di gola
    diarrea
    congiuntivite
    mal di testa
    perdita del gusto o dell’olfatto
    eruzione cutanea o scolorimento delle dita di piedi o mani. (fonte LA STAMPA)