Coronavirus, i condizionatori possono diffonderlo? Risponde l’esperto

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Aprile 2020 15:48 | Ultimo aggiornamento: 22 Aprile 2020 15:48
Coronavirus, i condizionatori possono diffonderlo? Risponde l'esperto

Coronavirus, i condizionatori possono diffonderlo? Risponde l’esperto (Foto archivio Ansa)

ROMA – I condizionatori possono veicolare il contagio di coronavirus? Con l’arrivo dell’estate sono in tanti a porsi questa domanda e le risposte dal mondo scientifico non sono sempre coerenti al riguardo.

Secondo Gennaro D’Amato, pneumologo ed allergologo ed ex primario del Cardarelli di Napoli, potremo accendere l’aria condizionata quest’estate, sia a casa che in auto, con le dovute accortezze. Intervistato da Fanpage, l’esperto spiega: “Dato che stiamo a casa, adesso è importante utilizzare una parte del nostro tempo per pulire i filtri dei condizionatori”.

“Se ci si trova a doverli accendere senza averli puliti si corrono rischi di inalare non soltanto polveri, ma anche germi. Non certo però il coronavirus, perché viene trasmesso attraverso la droplet infection, quindi uno dovrebbe essere infetto e andare a sputacchiare nel condizionatore. Francamente non è questo il rischio”.

E comunque, aggiunge D’Amato,  mai, mai tenere le temperature inferiori ai 24° C. Perché poi c’è una perfrigerazione che potrebbe far male”.

E se una persona positiva al Covid-19 diffonde goccioline infette in un determinato ambiente, c’è il rischio che i condizionatori facilitino la loro diffusione?

“In genere – spiega ancora l’esperto a Fanpage – il flusso d’aria non deve essere diretto verso il basso, verso le persone, ma verso l’alto. È fondamentale. Se c’è perfrigerazione con flusso d’aria rivolto verso il soffitto, francamente non c’è il rischio che questo flusso possa contribuire a spostare il virus”.

“Poi – ribadisce – se tutte le persone indossano le mascherine, si è protetti anche da chi starnutisce. Si riduce sicuramente la carica virale. Anche in macchina, il flusso non andrebbe rivolto verso il guidatore o chi sta vicino, ma verso l’alto con le bocchette, onde evitare che ci siano questi movimenti di correnti”. (Fonte: Fanpage)