Coronavirus creato in laboratorio, Anthony Fauci accusato: “Sapeva tutto, ci sono le email”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 6 Giugno 2021 15:00 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2021 16:56
Coronavirus creato in laboratorio, Anthony Fauci accusato: "Sapeva tutto, ci sono le email"

Coronavirus creato in laboratorio, Anthony Fauci (nella foto Ansa) accusato: “Sapeva tutto, ci sono le email”

La virologa cinese Li-Meng Yan, tra i primi scienziati a ipotizzare che il coronavirus fosse fuoriuscito dall’istituto di virologia di Wuhan, ha accusato Anthony Fauci e altri eminenti scienziati di esserne a conoscenza e di aver cercato di occultare la notizia.

Un numero crescente di esperti ritiene che la Cina stesse conducendo un guadagno di ricerca funzionale di interesse sul coronavirus, generazione di virus con proprietà che non esistono in natura affinché gli scienziati possano sviluppare i vaccini, e un incidente abbia provocato la diffusione a livello mondiale.

Le accuse al Partito Comunista Cinese: “Accordi segreti con scienziati Usa per il coronavirus”

Il Partito Comunista Cinese è accusato di nascondere questo guadagno di ricerca funzionale presso l’Istituto di virologia di Wuhan con l’aiuto di scienziati statunitensi che lo hanno finanziato, tuttavia le affermazioni che il virus sia un’arma biologica sono ancora considerate con scetticismo.

Fauci e altri scienziati insistono sul fatto che il virus si sia trasmesso attraverso un salto di specie dai pipistrelli o i pangolini all’uomo, senza escludere la teoria della fuoriuscita di laboratorio.   

Ma in un’intervista a Newsmax, Li-Meng Yan ha affermato che le e-mail di Fauci, pubblicate da Buzzfeed e dal Washington Post, hanno dimostrato che era a conoscenza del guadagno di ricerca funzionale cinese prima dell’inizio della pandemia.

“Email avvertirono Fauci sul coronavirus creato in laboratorio”

Secondo Yan, le mail mostrano che i principali virologi avvertono Fauci, dicendo che il COVID-19 potrebbe essere stato creato in un laboratorio ma il consigliere della Casa Bianca ha pubblicamente minimizzato tali affermazioni.

“Sapevano cosa era successo, ma hanno scelto di nascondersi per il Partito Comunista Cinese e per i propri benefici”, ha detto Yan.

Le e-mail mostrano che il 1° gennaio 2020, poco dopo che erano stati rilevati i primi casi di coronavirus, Kristian Anderson, immunologo presso lo Scripps Research Institute, ha inviato un’e-mail a Fauci dicendo che alcune caratteristiche del virus avrebbero potuto essere potenzialmente create dall’uomo.

Poco dopo, Fauci ha inviato un’e-mail urgente a un suo vice, Hugh Auchincloss, chiedendogli di rivedere un documento che stava allegando. Sebbene il contenuto sia sconosciuto, il titolo sembra facesse un riferimento a Ralph Baric, un virologo con sede negli Stati Uniti, che aveva svolto ricerche finanziate dal governo degli Stati Uniti in collaborazione con lo scienziato del Wuhan Institute, Shi Zhengli, esperto nella trasmissione del coronavirus nei pipistrelli.

Dall’inizio della pandemia, in altre e-mail il ricercatore medico britannico Jeremy Farrar, coinvolto nelle prime teleconferenze top secret in cui si discuteva del virus, ha condiviso un articolo dal sito web ZeroHedge ipotizzando che il virus potesse essere un’arma biologica.

Fauci, il coronavirus e i pipistrelli

Il 17 aprile 2020 Fauci ha annunciato che si riteneva che il virus fosse emerso in Cina diffuso dai pipistrelli. Il giorno successivo l’immunologo americano ricevette una mail di ringraziamento da parte dello zoologo britannico Peter Daszak per la posizione espressa. A questa seguì la replica di Fauci che ringraziò a sua volta per la “gentile nota”.

Daszak ha quindi convinto altri 26 scienziati a firmare una lettera scritta a The Lancet, rivista scientifica leader a livello mondiale, sostenendo che il virus poteva essere solo di origine naturale.

Veniva negato categoricamente che il virus potesse aver avuto origine in un laboratorio a Wuhan e lo liquidava come una “teoria del complotto”.

La lettera è stata considerata molto influente al punto che la maggior parte degli esperti ha rifiutato persino di prendere in considerazione che il coronavirus potesse essere stato creato dall’uomo e fuoriuscito dall‘Istituto di Wuhan.

Jamie Metzl, che fa parte del comitato consultivo dell’Organizzazione mondiale della sanità sull’editing del genoma umano ed è un membro dello staff dell’amministrazione di Bill Clinton, ha affermato che la lettera di Daszak era una “forma di criminalità e intimidazione”.

I rapporti sulle origini del coronavirus: dal laboratorio di Wuhan?

Yan ha pubblicato tre rapporti sulle origini del coronavirus: due l’anno scorso e uno quest’anno. L’ultimo rapporto pubblicato il 31 marzo afferma: “L’agente eziologico del COVID-19 non è un patogeno naturale ma un’arma biologica. È un prodotto del programma di armi biologiche del governo del Partito Comunista Cinese (PCC), la cui rete comprende non solo gli scienziati del PCC ma anche alcuni scienziati e organizzazioni d’oltreoceano”.

I tre rapporti sono stati pubblicati senza peer review su Zenodo. Nel frattempo, il direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), Anthony Fauci, poi i rappresentanti USA presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, hanno chiesto indagini approfondite per appurare una volta per tutte l’origine della pandemia.