Coronavirus, diabete fattore di rischio? Lo dice uno studio cinese

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Aprile 2020 17:05 | Ultimo aggiornamento: 3 Aprile 2020 17:05
Coronavirus, diabete fattore di rischio? Lo dice uno studio cinese

Coronavirus, diabete fattore di rischio? Lo dice uno studio cinese (Foto archivio Ansa)

ROMA  –  Il diabete potrebbe essere un fattore di rischio e di aggravamento della prognosi di coronavirus. E’ quanto emerge da uno studio cinese condotto dal Tongji Medical College e dalla Huazhong University of Science and Technology di Wuhan e pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes/Metabolism Research and Reviews.

I pazienti affetti da Covid-19 e diabete, infatti, hanno avuto valori più elevati di alcuni indici coagulativi e marcatori infiammatori, tra cui l’interleuchina-6 e la proteina C reattiva rispetto ad altri pazienti, positivi come loro al coronavirus ma senza diabete.

Gli studiosi cinesi hanno notato come i pazienti con diabete fossero esposti ad un rischio più elevato di polmonite grave, di eccessive risposte infiammatorie e di uno stato di ipercoagulabilità (dunque, ad una condizione che porta all’eccesso di coagulazione del sangue) che potrebbero essere legati ad una cattiva regolazione del metabolismo del glucosio.

“E’ il primo studio che valuta le caratteristiche biochimiche dei pazienti con diabete positivi al Covid-19 – spiega Paolo Pozzilli, direttore di Endocrinologia e Diabetologia del Policlinico universitario Campus Bio-Medico di Roma – Ciò che emerge è molto utile perché i pazienti con diabete presentano un’infiammazione più pronunciata degli altri e, dunque, potrebbero essere oggetto di terapie più mirate volte a contenere lo stato infiammatorio sistemico. Porre la giusta attenzione a questa problematica significa migliorare la prognosi”.

La ricerca di Wuhan è stata commentata da Ernesto Maddaloni e da Raffaella Buzzetti, del dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università Sapienza di Roma, che sottolineano come “l’enzima attraverso cui il virus entra nelle cellule delle vie respiratorie è espresso anche nel pancreas e nel fegato”. Pertanto, precisano come sia necessario “monitorare le conseguenze a lungo termine dell’infezione da Covid-19”.

“Diabete e Covid-19 – concludono – rappresentano due pandemie con caratteristiche diverse, principalmente a causa della presentazione (una acuta, l’altra cronica) e trasmissione (una trasmissibile, l’altra non trasmissibile), che tuttavia sembrano essere più interconnesse di quanto si pensasse in precedenza”. (Fonte: Ansa)