Coronavirus, Giappone sperimenta terapia con il sangue dei guariti

di Caterina Galloni
Pubblicato il 11 Marzo 2020 5:30 | Ultimo aggiornamento: 10 Marzo 2020 20:35
Coronavirus, Giappone sperimenta terapia con il sangue dei guariti

Coronavirus, Giappone sperimenta terapia con il sangue dei guariti (Foto archivio ANSA)

ROMA – In assenza di terapie specifiche per curare il coronavirus Covid-19, gli scienziati stanno sperimentando un trattamento basato sulla trasfusione di sangue dei pazienti guariti dal virus. In Giappone, la casa farmaceutica Takeda sta sviluppando un farmaco utilizzando parti del sistema immunitario di persone che sono guarite.

Il “plasma di convalescenza” che produce anticorpi specifici in grado di depotenziare il virus è stato usato già in passato per combattere l’Ebola ma potrebbe essere necessario più di un paziente guarito per curare una singola persona malata, per cui non sarà possibile eseguire il trattamento su tutti.

Gli ospedali cinesi hanno riferito che stanno già attuando la terapia, ma solo sui propri pazienti: non esiste un farmaco prodotto in serie o non ne viene fornito. Gli scienziati hanno affermato che si stanno avvicinando all’avvio di esperimenti dei vaccini sull’uomo ma un funzionario del governo britannico ha dichiarato che non saranno pronti nel corso di questo focolaio.

Il plasma sanguigno è una componente del sangue; contiene proteine, nutrienti, prodotti del metabolismo, ormoni e elettroliti inorganici, ma è privo di cellule. Trasporta anche anticorpi, proteine che il corpo produce per distruggere batteri o virus quando causano un’infezione.

Se una persona non è mai stata esposta a un virus o batteri – come nel caso di tutti coloro che vengono contagiati con il coronavirus – non ha anticorpi e si ammala. Iniettarli con il sangue di una persona guarita aiuta il paziente a combattere più rapidamente la malattia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che la terapia del plasma di convalescenza è importante e Greg Poland, della Mayo Clinic in Minnesota, ha dichiarato che “vale sicuramente la pena provare”.

Fonte: Daily Mail