Coronavirus, Oms: “Vaccino non basterà per tutti. Ai giovani verrà dato nel 2022”

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 Ottobre 2020 15:14 | Ultimo aggiornamento: 15 Ottobre 2020 15:14
Vaccini anti Covid saranno come quelli anti influenza: ripetuti e a copertura non totale. DI qualunque provenienza siano

Vaccini anti Covid saranno come quelli anti influenza: ripetuti e a copertura non totale (Foto d’archivio Ansa)

L’Oms avverte: il vaccino contro il coronavirus non basterà per tutti, i giovani sani dovranno aspettare il 2022 per averlo

I giovani dovranno attendere fino al 2022 per ricevere un vaccino contro il coronavirus perché la produzione iniziale dovrà essere assegnata in via prioritaria ai gruppi a più alto rischio.

Lo ha dichiarato il capo scienziato dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Soumya Swaminathan.

“La gente pensa che il primo gennaio ci sarà un vaccino e che le cose torneranno alla normalità, ma le cose non saranno così. Nessuno ha mai prodotto vaccini nei volumi che saranno necessari, quindi nel 2021 speriamo di avere vaccini, ma in una quantità limitata”, ha chiarito.

C’è un chiaro consenso sul fatto che i primi vaccinati saranno gli operatori sanitari che sono in prima linea nella lotta alla pandemia. Quindi toccherà agli anziani e alle persone più vulnerabili.

“Una persona giovane e sana dovrà aspettare fino al 2022 per essere vaccinata”, ha detto la scienziata. 

La sperimentazione 

Una decina di potenziali vaccini è attualmente in sperimentazione clinica di fase 3. Vengono inoculati in gruppi di circa 30mila persone in luoghi in cui il coronavirus continua a circolare intensamente.

Questa fase degli studi clinici viene utilizzata per verificare l’efficacia del vaccino ed escludere gravi effetti collaterali.

In totale, quaranta sperimentazioni di vaccini sono in una delle tre fasi di sperimentazione clinica e 200 sono in test di laboratorio, che è un chiaro indicatore dell’interesse che il settore farmaceutico e biotecnologico ha nel trovare la giusta formula.

I risultati

“Fino a quando non avremo i risultati della fase 3 non sapremo quali e quanti di questi vaccini saranno sicuri, efficaci e proteggeranno per un lungo periodo”, ha detto Swaminathan.

La rappresentante dell’Oms ha anticipato che questi risultati potrebbero essere pronti all’inizio del prossimo anno, dopodiché dovranno essere rispettati i regolamenti per l’approvazione di uno o più vaccini. (Fonte: Agi)