Coronavirus, Ricciardi: “A Milano, Napoli e forse Roma pandemia fuori controllo”

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Ottobre 2020 16:26 | Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2020 16:26
Coronavirus, Ricciardi: "A Milano, Napoli e forse Roma pandemia fuori controllo"

Coronavirus, Ricciardi: “A Milano, Napoli e forse Roma pandemia fuori controllo” (Ansa)

Il professor Walter Ricciardi lancia l’allarme: “A Milano, Napoli e forse Roma pandemia di coronavirus fuori controllo”

A Milano, Napoli e probabilmente Roma la pandemia di coronavirus è ormai fuori controllo: è l’allarme lanciato da Walter Ricciardi, professore di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica e consigliere del Ministro della Salute Roberto Speranza,

“Alcune aree metropolitane come Milano, Napoli e probabilmente Roma, sono già fuori controllo dal punto di vista del controllo della pandemia. Hanno numeri troppo alti per essere contenuti con il metodo tradizionale del testing e tracciamento”, ha detto Ricciardi. 

“Come insegna la storia di precedenti epidemie, quando non riesci a contenere devi mitigare, ovvero devi bloccare la mobilità. Ci troviamo come nel 1.400 a Venezia, nonostante le tecnologie di cui disponiamo”. Ora l’Italia “si accoda ai Paesi che non decidono coi tempi giusti”, ha detto.

La differenza tra la gestione della prima e della seconda ondata

Nel nostro Paese, ha aggiunto, “le decisioni prese sono sempre state basate sull’evidenza scientifica. E in linea di massima la politica le ha recepite nella prima fase della pandemia”.

Un coraggio dimostrato dal ministro della Salute sin dall’inizio, “quando, nella prima fase, a Bruxelles, ci guardavano come dei pazzi davanti all’idea di chiudere un intero Paese, mentre lo avrebbero fatto presto anche loro”.

Adesso, tuttavia, “anche l’Italia, avendo fatto eccezione nella prima fase, si è accodata a quello che è il modello decisionale di altri Paesi, i cui leader politici non hanno avuto il coraggio, la capacità e la tempistica di prendere decisioni giuste al momento giusto”. (Fonte: Ansa)