Covid, i quattro sintomi spia per riconoscere il virus: dai problemi gastrointestinali al mal di testa, quali sono

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Novembre 2020 10:52 | Ultimo aggiornamento: 14 Novembre 2020 10:52
Covid quattro sintomi

Covid, i quattro sintomi spia per riconoscere il virus: dai problemi gastrointestinali al mal di testa, quali sono (foto ANSA)

Se avete mal di testa, la mente annebbiata, gli occhi rossi e siete affaticati potreste aver contratto il Covid. Sarebbero infatti queste le quattro spie che ci devono mettere in guardia. 

Come riportato da Il Messaggero, in diversi pazienti si sono manifestati dolori allo stomaco subito prima di altri sintomi più comuni al Covid. In uno studio pubblicato dall’American Journal of Gastroenterology si legge che il Covid potrebbe causare anche dei problemi digestivi importanti.

La ricerca ha interessato 204 pazienti in Cina, e ha rilevato che il 48,5% di loro, la prima volta che sono stati ricoverati, aveva problemi quali il vomito, il dolore addominale o la diarrea. 

A Baltimora, Usa, una ragazzina di 15 anni ha iniziato a stare male con mal di stomaco e altri sintomi, ed è poi deceduta a causa di una infiammazione riconducibile al Covid. La madre dell’adolescente ha rivelato ai media locali: “È successo così in fretta. Non avrei mai pensato che portando mia figlia in ospedale per un mal di stomaco non sarei uscita da lì con lei”.

Una dottoressa ha dichiarato al Daily Express che proprio i problemi di digestione e i cambiamenti nelle abitudini intestinali, come la diarrea, possono essere in alcuni casi i primi sintomi del coronavirus.

Sintomi Covid, gli occhi arrossati

Un altro sintomo riguarda la vista. Secondo quanto riportato dall’American Academy of Ophthalmology, la congiuntivite si svilupperebbe nell’1% -3% dei malati.

Il segno più importante, come affermato da una infermiera del Life Care Center di Washington, Chelsey Earnest, sarebbe dato dagli occhi arrossati, come se fossero allergici a qualcosa.

“La parte bianca dell’occhio non è rossa. È più come se avessero un ombretto rosso all’esterno degli occhi” ha spiegato la donna. 

Stanchezza e mente annebbiata

Anche in questo caso il malessere arriva prima della diagnosi. La madre di tre bambini ha raccontato al Daily Mail di aver sentito un solletico in gola e un mal di testa e di aver subito pensato di aver contratto il virus.

“Inizialmente mi sentivo esausta, come se non avessi altra scelta che andare a letto. Non avevo tosse significativa e non avevo la febbre. Avevo anche la nebbia del cervello. Non riuscivo nemmeno a compilare i moduli delle scuole per bambini. Volevo solo dormire, cercando di tenere i bambini al sicuro e lontani dalla mia area di quarantena”.

Altre persone hanno invece detto di aver fatto notevole fatica per ricordare alcune cose durante il giorno. Una donna residente a Seattle non si ricordava il proprio cognome.

Come ha raccontato all’Huffington Post la febbre iniziale è diventata poi congestione sinusale, mal di testa e un annebbiamento che non le rendeva possibile concentrarsi.

Un medico ha precisato che coloro che manifestano questi sintomi si sentono come paralizzati e incapaci di pensare.

Un altro sintomo rilevato da un recente studio dell’Oms sarebbe la stanchezza. Su 55.924 casi confermati dai test, il 38,1% dei pazienti ha detto di aver avuto questa sensazione.

Gli studiosi, attraverso i dati dell’app Covid Symptom Study, sono riusciti a stilare un elenco dei sintomi più frequenti che i pazienti hanno riportato durante la prima settimana dopo l’inizio della malattia.

“I primi sintomi più comunemente sperimentati sono in realtà mal di testa (82%) e affaticamento (72%) in tutte le fasce d’età. Solo il 9% degli adulti positivi al Covid, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, non ha avuto mal di testa o affaticamento”.

Gli studiosi hanno sottolineato che cefalea e stanchezza sono spesso presenti in malati Covid, ma che, allo stesso tempo, un soggetto che manifesta questi due malori non necessariamente è positivo al virus. (fonte IL MESSAGGERO)