Diabete, il caffè riduce del 30% il rischio di ammalarsi

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 aprile 2018 16:55 | Ultimo aggiornamento: 18 aprile 2018 16:55
Il caffè abbassa il rischio di ammalarsi di diabete

Diabete, il caffè riduce del 30% il rischio di ammalarsi

ROMA – Il caffè contro il diabete: l’amata bevanda calda riduce di circa il 30 per cento il rischio di sviluppare la malattia di tipo 2, quello alimentare.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

E’ quanto emerge da uno studio di revisione in cui sono stati esaminati 30 ricerche scientifiche condotte su una popolazione di 1,2 milioni di persone.

Secondo quanto emerge nello studio, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 diminuirebbe rispettivamente del 7% in caso di caffè con caffeina e del 6% in caso di caffè decaffeinato per tazza al giorno.

L’analisi è stata pubblicata su Nutrition Reviews. Gli autori dello studio hanno esaminato i meccanismi biochimici della bevanda: in particolare, grazie alle sue proprietà antiossidanti, l’assunzione a lungo termine della bevanda nera può ridurre lo stress ossidativo, associato, oltre che a numerosi effetti avversi sulle funzioni cardiovascolari, metaboliche e renali, anche all’insorgenza di diabete di tipo 2.

Numerose ricerche hanno inoltre dimostrato che il consumo regolare di caffè può ridurre i livelli dei marcatori pro-infiammatori e di conseguenza l’infiammazione cronica di basso grado, che è stata collegata a disturbi cardiovascolari e metabolici, come il diabete di tipo 2.

Nel 2016 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rimosso il caffè dalla lista dei possibili cancerogeni per gli esseri umani e numerose ricerche scientifiche affermano che il consumo moderato, 3-5 tazzine al giorno, è protettivo verso una serie di patologie come il tumore al fegato e all’endometrio. E riduce fino al 27% il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Gli autori della review sottolineano comunque che sono necessari studi a lungo termine per confermare l’associazione protettiva e per approfondire i meccanismi della relazione.