Salute

Dieta Low FODMAP e pancia gonfia: la storia di Michelle Middleton

Dieta-Low-FODMAP

Dieta Low FODMAP e pancia gonfia: la storia di Michelle Middleton (Foto Instagram)

PORTLAND – Michelle Middleton, bodybuilder di Portland, Oregon (Stati Uniti), rivela che mangiare alcuni cibi può rendere la pancia gonfia nel giro di pochi minuti. Nel 2015 la Middleton ha trasformato il suo corpo: ha perso sette taglie dopo aver abbandonato il cardio-fitness e seguito una dieta drastica per il sollevamento pesi, due volte a settimana, e una dieta bilanciata a base di proteine e carboidrati.

Tuttavia, nonostante il “nuovo” corpo e lo stile di vita sano, soffre spesso di estremo gonfiore.Quando dico che sono gonfia… sono gonfia”, ha scritto Michelle in un commento sotto la sua foto su Instagram.

“Di tanto in tanto pubblico questo tipo di post, e le persone rimangono sorprese dal gonfiore della mia pancia” che si verifica quando mangia alcuni cibi. Solitamente segue la dieta Low FODMAP, ma a volte decide di mangiare comunque gli alimenti che causano il gonfiore.

La dieta Low FODMAP è spesso seguita da persone che soffrono di IBS (sindrome del colon irritabile) o disturbi della digestione e vieta alimenti come asparagi, sedano, mais dolce, mele, pere, latticini e molti prodotti a base di grano.

La dieta prevede l’eliminazione di carboidrati a catena corta, scarsamente assorbiti nell’intestino tenue e possono causare una serie di problemi digestivi.

“Con lo yogurt greco si è gonfiata la pancia in pochi minuti ma dopo poche ore sono tornata normale, ha raccontato Middleton. I cibi che mi fanno gonfiare di più sono yogurt, proteine in polvere, mele, pere, anguria, broccoli, cavolfiori e asparagi”, osserva la bodybuilder.

La foto è diventata virale e centinaia di donne hanno commentato il post raccontando il loro gonfiore, rivelando i cibi che evitano. @sweatwithseradude, su Instagram ha scritto: “Anch’io! È incredibile quanta differenza possa fare mangiare alcuni cibi. Sinceramente, quando sono gonfia, mi sembra di pesare 15 chili in più”.  @malorie.atwood ha aggiunto: “Grazie per aver condiviso! I nostri corpi sono divertenti. Di certo è un problema quando si tratta di fagioli, proteine in polvere e troppo latte!”. Per @jazzyjjazy, mele e pere puntualmente la fanno sembrare “incinta di sei mesi”. @kristindurley ha ringraziato la Middleton per la sua sincerità e scritto: “Ho seriamente pensato di essere l’unica a gonfiarsi così tanto”.

Michelle ammette di fare fatica a seguire strettamente la dieta ma ha condiviso un altro post in cui dice che cucinare i pasti è la chiave per soddisfare i suoi obiettivi nutrizionali. “La nutrizione non è il mio punto di forza. Posso andare in palestra ogni giorno, allenarmi duramente, fare sollevamenti per ore, cardio, ecc. ma attenermi alla dieta è la cosa più difficile. Il cibo mi piace. Devi solo pensare all’obbiettivo finale e affrontare la situazione giorno per giorno”.

Ma cos’è la dieta Low FODMAP? I FODMAP sono un insieme di carboidrati a catena corta e di polialcoli presenti negli alimenti in modo naturale o come additivi alimentari; comprendono fruttosio, fruttano, galattooligosaccaridi, lattosio e polioli, come sorbitolo e mannitolo.

Una dieta povera di FODMAP è scientificamente provata e ora utilizzata a livello internazionale come la terapia dietetica più efficace per la sindrome dell’intestino irritabile e i sintomi di intestino irritabile che includono flatulenza, dolore addominale, gonfiore, nausea e cambiamenti nelle abitudini intestinali, come diarrea e/o stitichezza. La dieta, inoltre, riduce i sintomi di affaticamento, letargia e scarsa concentrazione, scrive il Daily Mail.

FODMAP è, in inglese, l’acronimo di Fermentable Oligo-di and Mono-saccharides, And Polyols, ovvero Fermentabili Oligosaccaridi (fruttani e galattani) Disaccaridi (lattosio) Monosaccaridi (fruttosio) e Polioli (zuccheri come sorbitolo, mannitolo, xilitolo).

To Top