Giulia Grillo, il ministro della Salute contro Panzironi, guru tv delle diete: “Non si scherza con la salute”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 dicembre 2018 9:03 | Ultimo aggiornamento: 6 dicembre 2018 9:03
Giulia Grillo, il ministro della Salute contro Panzironi, guru tv delle diete: "Non si scherza con la salute"

Giulia Grillo, il ministro della Salute contro Panzironi, guru tv delle diete: “Non si scherza con la salute”

ROMA – “Basta con le ‘panzironate’, non si scherza con la salute delle persone”: è il post su Facebook del ministro della Salute Giulia Grillo che annuncia di aver chiesto alla Agcom di intervenire sul caso di Adriano Panzironi, il giornalista che in un programma televisivo promuove i suoi integratori e promette di combattere e prevenire malattie gravi con una dieta.

“Ho scritto al garante delle comunicazioni Marcello Cardani, – scrive Grillo – affinché attivi le procedure previste dalla legge in materia di pubblicità sanitaria e repressione dell’esercizio abusivo delle professioni sanitarie (75/1992): con gli stessi mezzi attraverso i quali pubblicizzava il suo metodo, il pubblicista Panzironi dovrà diffondere le informazioni rettificate e corrette”.

“Sono davvero stufa – rileva il ministro – di vedere in televisione ogni giorno questo personaggio, che senza alcun titolo scientifico, né tanto meno professionale abilitante, continua a pubblicizzare regimi alimentari ‘miracolosi’ e a vendere integratori dietetici in grado di farci vivere ‘120 anni'”.

“Sono un medico – scrive Grillo su Facebook – e non posso sopportare che si illudano persone, magari in situazione di fragilità emotiva, con rimedi senza basi scientifiche, permettendosi addirittura di fornire indicazioni per combattere e prevenire diabete, Alzheimer, depressione, o ancora peggio di stabilire connessioni causa-effetto tra il consumo di carboidrati e l’insorgere di tumori. Libertà di cura non significa prendere in giro i malati”.

Per questo, “accogliendo le tante segnalazioni innanzitutto della FNOMCeO ho scritto al presidente AGCOM, il garante delle comunicazioni Marcello Cardani, affinché attivi le procedure previste dalla legge in materia di pubblicità sanitaria e repressione dell’esercizio abusivo delle professioni sanitarie: con gli stessi mezzi attraverso i quali pubblicizzava il suo metodo, il pubblicista Panzironi dovrà diffondere le informazioni rettificate e corrette”. “Farò tutto ciò che mi è consentito – conclude il ministro – per combattere la falsa scienza che danneggia le persone più deboli”.