Ilaria Capua: “Coronavirus sciame virale che attraversa tutta la Terra”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Marzo 2020 10:55 | Ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2020 10:55
Ilaria Capua, virologa emigrata in Usa: "Coronavirus sciame virale che attraversa tutta la Terra"

Ilaria Capua: “Coronavirus sciame virale che attraversa tutta la Terra” (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Uno sciame virale: questa la definizione che, sul Corriere della Sera, Ilaria Capua, la virologa a capo dello One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, ha dato del Coronavirus. Per l’esattezza la Capua ha parlato di “uno sciame virale che attraversa la popolazione della terra”. 

Scenari per il futuro: “Lo studio comparato mi suggerisce che alcuni ceppi virali potrebbero in futuro causare forme enteriche nei neonati e nei giovani”. Solo in una seconda fase, secondo la Capua, il virus potrebbe colpire anche animali domestici o selvatici.

Ilaria Capua: “Il virus è partito dalla Cina e ha seguito tre vie”.

A partire dall’epicentro dell’epidemia, in Cina, il coronavirus ha seguito tra vie per diffondersi nel resto del mondo: una diretta in Europa, una verso gli Stati Uniti e la terza verso Sud, verso Corea e Australia. Così aveva detto all’Ansa la virologa Ilaria Capua, sulla base delle oltre 150 sequenze genetiche dei coronavirus finora pubblicate. “Va sfatato il mito che l’Italia abbia diffuso il virus”, ha aggiunto.

“Il dato evidente – ha proseguito Capua – è che la dinamica dell’infezione in Europa è diversa da quella raccontata finora”. Le sequenze genetiche del coronavirus ottenute in Italia sono ancora poche, ma sufficienti per capire che “non sono stati gli italiani a diffondere l’infezione”.

E’ comunque inutile cercare ancora di rintracciare il paziente zero: potrebbe essere uno, ma potrebbero essere centinaia. Quello che sappiamo – ha proseguito la virologa – è che il nuovo coronavirus è arrivato in Europa dalla Cina probabilmente in gennaio, portato da centinaia di persone.

Adesso stiamo cercando di ricostruire gli ingressi multipli in Europa grazie alle sequenze genetiche”. Queste ultime sono depositate nelle due grandi banche dati chiamate Gisaid e GeneBank, a disposizione dei ricercatori di tutto il mondo per essere analizzate.

Somiglianze e differenze che emergono dal confronto delle mappe genetiche indicano che “l’Europa si comporta come un’area unica”, ha osservato. E’ probabile che “una massa critica di persone con il virus arrivata in Europa abbia contribuito a diffonderlo. Non è stata soltanto l’Italia – ha concluso – a fare da cassa di amplificazione”. (Fonti: Corriere della Sera e Ansa).