Infarto, una tac per valutare il rischio con 10 anni di anticipo

di Caterina Galloni
Pubblicato il 5 Settembre 2019 7:00 | Ultimo aggiornamento: 4 Settembre 2019 20:43
Infarto, tac per valutare il rischio in anticipo

Foto archivio ANSA

ROMA – Una tac cardiaca ad alta tecnologia sviluppata dagli scienziati di Oxford potrebbe rilevare con dieci anni di anticipo il rischio di avere un infarto. La nuova tecnologia, secondo i dati presentati al congresso della Società europea di cardiologia a Parigi, rivela il rischio infarto con una precisione dall’85 al 90%, il che vorrebbe dire salvare migliaia di vite all’anno.

Pazienti a rischio, dunque, i cui problemi cardiaci non possono essere rilevati utilizzando la TAC attuale. La nuova tecnologia si avvale dell’intelligenza artificiale per analizzare le scansioni TAC di routine e valutare il potenziale futuro rischio. Valuta l’accumulo di grasso e le cicatrici intorno al cuore e considera se ciò in futuro potrebbe causare dei problemi.

Charalambos Antoniades, a capo dello studio presso la divisione di medicina cardiovascolare di Oxford, ha dichiarato:”Quello che possiamo osservare con l’attuale TAC è solo la punta dell’iceberg. Abbiamo sviluppato un sistema di IA estremamente potente che esamina l’intero iceberg, quello che c’è sotto la superficie, dove si nasconde la maggior parte del rischio”.

Antoniades ha sottolineato che la nuova TAC è “di grande importanza” poiché i pazienti a rischio potranno assumere dei farmaci mirati a migliorare la funzionalità del cuore. Metin Avkiran, direttore medico associato della British Heart Foundation, che ha finanziato la ricerca, ha spiegato che “la nuova tecnologia basata sull’IA e mirata a prevedere un infarto con maggiore precisione, potrebbe rappresentare un grande passo avanti nella cura personalizzata di pazienti con sospetta cardiopatia coronarica”. (Fonte: Daily Mail)