Influenza, iniziata l’epidemia. Assalto ai Pronto soccorso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 gennaio 2014 20:51 | Ultimo aggiornamento: 9 gennaio 2014 20:52
Influenza, iniziata l'epidemia. Assalto ai Pronto soccorso

(Foto Lapresse)

ROMA – Influenza, è iniziata l’epidemia. Gli ospedali italiani sono presi d’assalto. Letteralmente. A Torino i pazienti, stanchi dell’attesa per essere visitati, hanno sfondato le porte del Pronto soccorso dell’Ospedale San Giovanni Bosco. In un altro nosocomio torinese sono finite le coperte, mentre in alcuni ospedali di Roma l’intasamento dei Pronto soccorso ha determinato un forte ritardo nei ricoveri, con malati che hanno atteso fino a 5 giorni in barella.

E questo quando lepidemia dell’influenza è appena entrata nel vivo, come segnala la rete di sorveglianza Influnet dell’Istituto superiore di sanità (Iss). In varie regioni è stato superato il valore di soglia di 2,37 casi per mille assistiti, che indica appunto l’inizio del periodo epidemico. I più colpiti sono, al momento, i bambini sotto i 5 anni di età.

Complessivamente, il numero di casi stimati nell’ultima settimana è pari a circa 139.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza Influnet nel mese di ottobre, di 823.000 italiani già costretti a letto per il ‘male stagionale’.

Ma anche se il picco dei casi è previsto per la fine di gennaio, la situazione in molti Pronto soccorso è già critica, con un aumento di accessi del 20-30%. Ad andare al Pronto soccorso sono soprattutto le persone più anziane, ‘complice’ anche la difficoltà, nei giorni delle festività natalizie, a trovare i medici di famiglia.

Proprio durante le feste baci e abbracci hanno facilitato la diffusione rapida dei virus influenzali, così come l’abbassamento delle temperature. La stagione influenzale di quest’anno, però, dovrebbe essere di media intensità, con una media finale di circa 4,5 milioni di italiani colpiti.