Influenza, vicini al picco: quasi 800mila casi questa settimana

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 Febbraio 2020 10:36 | Ultimo aggiornamento: 6 Febbraio 2020 10:37
Influenza, vicini al picco: quasi 800mila casi questa settimana

Influenza, vicini al picco: quasi 800mila casi questa settimana (Foto Ansa)

ROMA  –  Sta arrivando il picco epidemico stagionale dell’influenza: il numero di casi stimati in questa settimana è di circa 795.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 4.266.000 casi in Italia.

E’ questo l’ultimo aggiornamento del bollettino Influnet dell’Istituto superiore di sanità. Val D’Aosta, Lombardia, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise e Basilicata le regioni maggiormente colpite.

L’Istituto superiore di sanità sottolinea che “il livello di incidenza dei casi di sindrome simil-influenzale raggiunto si colloca, per ora, all’interno della soglia di intensità media”.

In Italia l’incidenza totale è pari a 13,2 casi per mille assistiti. Colpiti maggiormente i bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un’incidenza pari a 39,8 casi per mille assistiti.

E proprio una complicanza rara dell’influenza potrebbe essere quella che ha causato la morte di una bambina di 10 anni all’ospedale di Treviso, a causa di una probabile encefalopatia necrotizzante acuta, classificata come “rara complicanza neurologica post infettiva”. Fra le ipotesi vi sarebbe un possibile effetto scatenante di un virus influenzale di tipo B, riscontrato nelle indagini di biologia molecolare su vari materiali biologici. Il decorso è stato rapidissimo. Ricoverata al pronto soccorso per l’aggravarsi di uno stato febbrile che si era iniziato a manifestare il pomeriggio precedente, nella piccola è stato subito evidenziato “un quadro clinico estremamente grave”. Lo stato di coma è sopraggiunto già nella notte e la morte è avvenuta il giorno dopo.

L’encefalopatia acuta necrotizzante è una patologia conseguente a infezioni virali, su base metabolica-immunomediata, tra le quali anche l’influenza di tipo B, assieme ad altri virus. (Fonte: Ansa)